Sicilia, istituto di Vittoria fa rete per garantire insegnamento

Sicilia, istituto di Vittoria fa rete per garantire insegnamento

Intervista alla preside Daniela Mercante
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RAGUSA – “C’è un cambiamento radicale nei ritmi cui siamo di solito sottoposti. Il cambiamento riguarda anche la percezione del nostro tempo, sembra sospeso, rarefatto. Le giornate non sono più scandite dalle ore a scuola, dai compiti a casa e dalle attività sportive e ricreative e stiamo vivendo un tempo rallentato che, forse, ci consentirà di fermarci, di ascoltarci, di ritrovare il senso delle cose, di ripensare alla scuola e all’educazione delle nuove generazioni”.

A raccontarlo in un’intervista a diregiovani.it è Daniela Mercante, dirigente scolastica dell’istituto comprensivo ‘Portella della Ginestra’ di Vittoria (Ragusa), a pochi giorni dalla chiusura delle scuole per l’emergenza sanitaria da Coronavirus.

“Stiamo facendo un grande sforzo organizzativo e di coordinamento- aggiunge Daniela Mercante– con i mezzi che abbiamo a disposizione e con le competenze che possediamo. Come dirigenti scolastici, dobbiamo attivare le modalità di didattica a distanza facendo rete, incoraggiare il lavoro collaborativo a mettere a disposizione le proprie competenze a favore degli altri”.

La dirigente scolastica della scuola ragusana sottolinea l’importanza di una comunicazione trasparente e diretta nella didattica digitale:

“Cerco di scoraggiare l’uso di alcune app, come Whatsapp, non create per fini didattici, che per quanto siano immediate nella comunicazione, possono generare stati d’ansia, equivoci e possibili discordie. Ognuno di noi deve pesare le parole ed il loro valore. L’interazione con gli alunni e le loro famiglie dev’essere semplice, diretta. Questa è la vera difficoltà”.

Per gli alunni delle fasce d’età che vanno dagli 8 ai 14 anni, sono state realizzate classi virtuali con la piattaforma Google Classroom. Per i piccoli della scuola dell’infanzia e per le classi di prima e seconda elementare, invece, le maestre hanno allestito una lavagna virtuale, utilizzabile su tablet e smartphone, cui i bambini ogni giorno inseriscono post-it ricchi di sollecitazioni e di messaggi. Presenti, inoltre, tutorial per realizzare lavori manuali.

“In questo momento, le prime e seconde classi della scuola primaria- ha spiegato la preside– sono impegnate in un lavoro di rafforzamento sulle competenze di lettura e scrittura, su cui stavamo lavorando prima della chiusura delle scuole. Si tratta di prove strutturate che aiutano ad identificare precocemente eventuali difficoltà ascrivibili ai disturbi dell’apprendimento”. “Questa emergenza- conclude Daniela Mercante– determina attesa ed inquietudine. Non sappiamo realmente quando le scuole riapriranno ed un’analisi va fatta. Non siamo abituati all’attesa, ma ad avere tutto e subito. A scuola abbiamo un orto coltivato dai bambini che hanno appreso come i frutti si raccolgono nel tempo. Allo stesso modo, in questa situazione, dobbiamo generare la convinzione che i tempi di sviluppo sono lenti e ci vuole pazienza, ci vuole collaborazione e tanta responsabilità”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it