Swan. L'ambizioso romanzo storico a fumetti di Néjib

Swan. L’ambizioso romanzo storico a fumetti di Néjib

Un appassionante feuilleton dell'artista di adozione francese che racconta l’avventura collettiva degli Impressionisti e la nascita dell’arte moderna
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Roma – Tra i libri appena usciti in casa Coconino c’è il nuovo graphic novel di Néjib, artista tunisino di adozione francese, che da sempre mette al centro delle proprie riflessioni il ruolo e la potenza delle immagini.

Swan (Vol. 1: Il bevitore di assenzio), questo il titolo del romanzo storico a fumetti, ha per protagonista una ragazza arrivata dall’America e il suo sogno di diventare un’artista affermata. Siamo a Parigi, è il 1859 e nella città di Degas, Manet e di tanti aspiranti pittori la competizione è feroce. E per una donna tutto è più difficile.

Dopo il successo di Stupor Mundi e il premio Micheluzzi 2018, Néjib torna al romanzo storico con un ambizioso feuilleton che racconta l’avventura collettiva degli Impressionisti e la nascita dell’arte moderna.

Arrivati da New York nella effervescente Parigi del XIX secolo, il giovane Scottie e sua sorella Swan hanno una sola idea in testa: affermarsi nel mondo delle belle arti. A guidarli alla scoperta della capitale francese è il loro cugino Edgar Degas. La giovane Swan incontra Manet e Ingres, resta affascinata da una città animata da una vivacità mondana e da una frenesia culturale e creativa senza precedenti. È il terreno fertile dal quale nascerà un nuovo, rivoluzionario movimento: l’Impressionismo. Ma Swan scopre anche, ben presto, che il Louvre pullula di aspiranti pittori come lei che affollano le sale per copiare i capolavori dei grandi maestri. La concorrenza è spietata, rivalità e colpi bassi si sprecano nella gara per attirare l’attenzione di critici e galleristi… e per una donna dell’800 tutto è due volte più difficile. All’entusiasmo subentrano le prime disillusioni. Qual è il prezzo da pagare per chi vuole consacrare la vita alla passione per l’arte?

«L’Impressionismo fu l’ultima grande rivoluzione nella pittura. Anche il mio disegno – dichiara Néjib, in un’intervista a Tv 5 Monde – in un certo senso è impressionista, perché lo metto al servizio della leggibilità del racconto… Quando realizzo una storia a fumetti, il mio obiettivo è che il lettore sia sempre invogliato a girare pagina e proseguire».

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it