Munchie, l'adorabile gattino che non crescerà mai

Munchie, l’adorabile gattino che non crescerà mai

Il piccolo è affetto da una rara condizione genetica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ha 7 mesi ma sembra un gattino di poche settimane. Quella di Munchie è una rarissima condizione chiamata ipoparatiroidismo, che lo farà rimanere “giovane per sempre”. Al mondo esiste un solo altro esemplare felino affetto dalla sua stessa malattia.

Tutto è iniziato nel settembre del 2019, quando il piccolo trovatello è stato portato allo studio veterinario di Wolverhampton, Regno Unito, dove lavora la sua attuale proprietaria, Emily Tomlinson.

Nessuno è venuto a reclamarlo, così Emily ha deciso di adottarlo. Al momento Munchie sembrava essere un gattino normale, affetto solo da un edema corneale bilaterale, che anche se non ha effetti sulla sua vista, fa sembrare i suoi occhi “annebbiati”.

Qualche mese dopo, però, Munchie è iniziato a stare male. “L’ho portato di corsa al pronto soccorso veterinario”, ha raccontato Emily a Bored Panda “dove lo hanno sottoposto a radiografie, esami del sangue e fluidoterapia endovenosa. E’ dovuto restare ricoverato per ben 4 settimane. Poi la scoperta.

Munchie soffre di ipoparatiroidismo, una rara condizione caratterizzata da ipocalcemia (bassa concentrazione di calcio nel sangue). Per questo motivo, il gattino avrà bisogno per tutta la vita di somministrazione extra di calcio e vitamina D.
Oggi ha 7 mesi e, oltre a dimostrare poche settimane di vita, pesa appena 1,7 kg.

Anche se a volte la sua condizione si ripercuote sulla sua vita, Munchie è un gattino come gli altri: ama le coccole e giocare, ma più di tutto adora dormire sulla sua mamma umana!

Munchie è da poco su Instagram, dove meno di due mesi ha conquistato quasi 10mila persone.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it