'Leggere forte' pubblica online titoli per ragazzi

‘Leggere forte’ pubblica online titoli per ragazzi

Progetto della Regione Toscana per lettura ad alta voce
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ‘Leggere: Forte! Ad alta voce fa crescere l’intelligenza’ è un progetto della Regione Toscana, che ha messo online diversi titoli per i ragazzi, da Pinocchio alle favole dei fratelli Grimm, passando per il Piccolo Principe. Si tratta di favole lette ad alta voce per tutti coloro i quali, in questi giorni, hanno bisogno di qualche supporto in più per aiutare a far passare il tempo ai più piccoli, e non solo, con fasce di età comprese tra il nido e la scuola secondaria.

Visto che non ci si può muovere da casa, si è invece in grado di viaggiare con la fantasia, tenendo conto della grande utilità del leggere ad alta voce, per sviluppare competenze cognitive fondamentali per la crescita di bambini e ragazzi. Sul canale YouTube della Regione Toscana, alla voce ‘playlist leggereforte’, si trova una raccolta di video ed audio letture realizzate da un team di lavoro coordinato dal docente dell’università di Perugia, Federico Batini.

Del gruppo fanno parte ricercatori, borsisti e volontari delle Letture ad Alta Voce LaAV, congiuntamente a docenti ed educatrici dei nidi e delle scuole di infanzia. Ognuno di essi ha registrato un testo e reso disponibile da subito, rendendo fruibile da tutti una pratica già in forte uso nelle prime classi.

Con il progetto la Regione Toscana vuole introdurre gradualmente in tutte le scuole di ogni ordine e grado la lettura ad alta voce come fondamentale strumento per sviluppare le competenze cognitive, aumentando anche le abilità relazionali, delle emozioni e del pensiero critico, in sinergia con l’ateneo di Perugia e l’ufficio scolastico regionale, l’Indire e il ‘Cepell’, centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività’ culturali e il turismo. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it