Coronavirus. Pesaro, studenti liceo Marconi "Questa è vera prova di maturità"

Coronavirus. Pesaro, studenti liceo Marconi: “Questa è vera prova di maturità”

Gaia e Leone in diretta con docente Marco De Carolis per #LaScuolaNonSiFerma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La sospensione all’inizio ci è sembrata bella come la neve, ma dopo poco la scuola ha iniziato a mancarci e adesso continuiamo a fare ciò che si deve. Questo ci dà speranza”.

Così Leone, studente italo-inglese del liceo scientifico e coreutico ‘Marconi’ di Pesaro, questo pomeriggio in collegamento sulla pagina Facebook del ministero dell’Istruzione. Oggi è infatti andato in onda il secondo appuntamento di #LaScuolaNonSiFerma, finestra bisettimanale per raccontare l’impegno della scuola italiana durante l’emergenza. Ogni martedì e venerdì, dirigenti, docenti e studenti racconteranno la didattica al tempo del coronavirus, in collaborazione con l’agenzia di stampa Dire e diregiovani.it.

 

“Abbiamo bisogno di continuare a sperare che la cultura sia importante per i ragazzi perciò abbiamo ripreso il programma. Ma devo dire anche che notiamo in loro una maturità superiore e un vero desiderio di studiare”, gli fa eco il docente Marco de Carolis. Le lezioni infatti sono riprese regolarmente “ma senza caricare i ragazzi di compiti”, così come sono ripresi i progetti d’istituto.

La scuola sta infatti preparando un musical sullo sterminio nazista di rom e sinti. Previsto per metà giugno, coinvolgerà oltre 400 studenti di Pesaro e provincia e uno staff di 30 persone:

“si provano le parti e si rimandano i feedback in chat- ha raccontato De Carolis- il gruppo scenografie le sta costruendo da casa da casa, il gruppo musica riesce addirittura a provare le parti in sincrono grazie a specifiche app. La scuola- ha concluso- rimane una delle poche cose certe”.

Protagonisti della diretta però sono stati i ragazzi, Gaia,rappresentante d’istituto e Leone, in collegamento dall’Inghilterra dove ha raggiunto un mese fa i suoi genitori. Mancano la scuola, la quotidianità, le abitudini, lo confessano, ma non si sono persi d’animo:

“Volevamo continuare a essere uniti- spiega Gaia- e quindi abbiamo iniziato a organizzare delle dirette sul nostro canale Youtube ogni lunedì, mercoledì e venerdì alle 18″.

Ospitano personaggi noti e si confrontano con loro. Ospite di oggi, ad esempio, il rapper Lucariello, ma prima di lui giornalisti, esponenti delle istituzioni e testimoni come Alfredo Traiano, orfano di femminicidio.

“I nostri appuntamenti sono molto partecipati, ci sta andando quasi meglio del normale”, riconosce Gaia. “Il musical e queste nostre assemblee in diretta ci aiutano a stare in contatto tra noi attraverso le nostre passioni e ci distraggono dall’incertezza che un po’ ci divora- commenta Leone, convinto che la scuola cambierà- probabilmente finiranno le assenze- scherza- ma sicuramente capiremo ancora di più quanto vale e quanto è importante appassionarsi”.

Entrambi, poi, hanno un messaggio per i loro coetanei: leggiamo, scriviamo, coltiviamo le nostre passioni e impariamo ad adattarci senza paura di dover fare sacrifici:

“Questa sarà per noi la vera prova di maturità”, dicono. Ma un pensiero anche ai docenti con i quali, a dire di entrambi, il rapporto sta diventando più forte: “Prof, dite a tutti i vostri alunni che gli volete bene come stanno facendo i nostri”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it