Quante sfumature di grigio vedi? L'illusione ottica che ti farà impazzire

Quante sfumature di grigio vedi? L’illusione ottica che ti farà impazzire

Anche il cervello gioca brutti scherzi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda l’immagine di seguito. Scommetteresti a occhi chiusi che questi due blocchi hanno diverse sfumature di grigio.
Beh, perderesti.

Sebbene sembri evidente che quello in alto sia più scuro di quello in basso, in reltà è un trucco del cervello. Prova a mette un un dito lungo il centro della linea bloccando le parti più scure da quelle più chiare, gli occhi inizieranno a dire la verità.
I due blocchi hanno, infatti, lo stesso colore e appaiono diversi per effetto della sfumatura più scura e più leggera che taglia il centro.

Questa illusione è stata documentata dallo psicologo sperimentale Tom Cornsweet nel 1960, da qui il suo nome: l’Illusione di Cornsweet.

Cornsweet, che è meglio conosciuto per il suo lavoro sulla percezione visiva, ha osservato che gli esseri umani percepiscono il colore e la tonalità delle immagini 3D a seconda del modo in cui l’oggetto viene illuminato e il modo in cui le ombre cadono.

In poche parole, noi percepiamo il blocco superiore più scuro e quello inferiore più chiaro perché è la soluzione più logica: è quello che il nostro cervello si aspetta a causa degli altri elementi che circondano il grigio.

Ancora non siete soddisfatti?
Guardate allora l’immagine che segue. Qui l’effetto è ancora più eclatante.

Tutti d’accordo sul fatto che il quadrato B sia più chiaro di A?
Beh, vi sbagliate.
I quadrati contrassegnati ‘A’ e ‘B’ hanno in realtà esattamente la stessa tonalità di grigio.

I nostri occhi e il nostro cervello sono costantemente alla ricerca di capire il colore degli oggetti intorno a noi, e in tal modo compensano automaticamente le ombre.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it