Mantova, la vita a casa nelle riflessioni degli studenti

Mantova, la vita a casa nelle riflessioni degli studenti

Docenti di religione lanciano progetto 'Tempo strano'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MANTOVA – La scuola si fa sempre più vicina ai suoi studenti e prova a farlo attraverso la raccolta dei sentimenti e delle riflessioni degli alunni in tempo di coronavirus. All’istituto ‘Mantegna’ due professoresse di religione, Laura Lui e Raffaella Marchi, hanno lanciato da qualche settimana il progetto ‘Tempo strano’. Ogni ragazzo della scuola, può preparare un disegno, un testo con delle riflessioni oppure scrivere e consigliare una canzone. Gli studenti possono usare qualsiasi tipo di espressione per raccontare questo periodo.

Nessun compito e nessuna valutazione su quello che scrivono ma solo uno scambio di opinioni tra insegnanti e alunni. L’obiettivo è quello di raccogliere il tutto e preparare un libretto da dare a tutti per ricordare un giorno questo momento storico. Gli studenti inviano i loro disegni e le loro riflessioni via mail direttamente alle insegnanti che rispondono per dare loro un sostegno anche a distanza.

Tra il materiale arrivato nelle mani delle insegnanti ci sono dei mandala, dei consigli sulla musica. C’è chi ha suggerito di ascoltare ‘Vivere’ di Vasco Rossi e altri che raccontano che all’inizio erano felici della chiusura della scuola ma ora hanno difficoltà a ritagliarsi degli spazi di libertà in casa. Il tutto servirà a creare un ricordo di questo momento che ha creato comunque legami di amicizia più solidi tra alunni. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it