Io resto in comunità, il video del 'Piccolo principe' di Busto Arsizio

Io resto in comunità, il video del ‘Piccolo principe’ di Busto Arsizio

Iniziativa nell'ambito del progetto Cncm e Agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Casa non è disperazione ma il luogo in cui poter giocare, studiare, ballare e soprattutto creare. Come hanno dimostrato i ragazzi della comunità per minori ‘Il piccolo principe’ di Busto Arsizio, in provincia di Varese, che in un video hanno raccontato la loro quarantena tra libri, svaghi e voglia di ricominciare.

Un messaggio che assume ancora più valore perché a dirlo sono ragazzi che una casa vera e propria non ce l’hanno, ma vivono in una grande famiglia composta da 30 educatori e 40 giovani. Quindi “restate a casa” scrivono i ragazzi nel video, perché ‘Everything’s Gonna Be Alright’, come recita la canzone di Bob Marley colonna sonora del loro filmato.

In questo periodo di isolamento, la vita delle comunità si è complicata, per questo il Coordinamento Nazionale delle Comunità per Minori (Cncm) e l’Agenzia Dire-Diregiovani.it hanno dato il via al progetto ‘Io resto in comunità. Le comunità per i minorenni al tempo del Coronavirus’, per dare voce ai ragazzi e alle ragazze che vivono questo contesto. Partendo da un’idea dalla Comunità educativa per minori C.A.Gi.V.A., gestita dalla cooperativa Progetto sociale di Cantù (Como), è stato quindi pensato un progetto per condividere all’esterno ciò che i ragazzi e le ragazze vivono e provano ai tempi della forzata permanenza all’interno delle comunità. L’obiettivo è quello di far tirar fuori ai ragazzi e alle ragazze le loro emozioni, e rendere l’idea di cosa significhi vivere in un contesto comunitario. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it