Emergenza Coronavirus, una mano arriva dallo spazio

Emergenza Coronavirus, una mano arriva dallo spazio

Il settore aerospaziale mette a disposizione tutte le sue conoscenze e infrastrutture per contribuire alla sfida.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Un Paese dopo l’altro finisce in lockdown: tutto chiuso per impedire al nuovo Coronavirus di diffondersi. Scienziati e medici di tutto il mondo sono al lavoro per studiare il virus e trovare cure, magari anche un vaccino.

Il settore aerospaziale non sta a guardare e mette a disposizione tutte le sue conoscenze e infrastrutture per contribuire alla sfida.

Contro la pandemia sono già state chiamate a raccolta tutte le aziende che si occupano di tecnologie spaziali. Fino al 20 aprile è attivo ‘Space in response to COVID19 outbreak’, bando proposto dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), in accordo con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), il Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione (MID) e il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio.

Il bando va alla ricerca di sperimentazioni di tecnologie spaziali per il contenimento, il monitoraggio e il contrasto al virus. Le soluzioni proposte dovranno essere veloci e di immediata applicabilità. L’Agenzia Spaziale Italiana ha già autorizzato il finanziamento del bando per 2,5 milioni di euro.

“Lo Spazio, ora più che mai, deve essere al servizio di tutti e con  questo bando saranno messe a fattore comune le tecnologie spaziali provenienti dai dati satellitari di telecomunicazione, navigazione e osservazione della Terra”, ha spiegato il presidente dell’Agenzia spaziale italiana Giorgio Saccoccia. 

L’esperienza delle missioni nello Spazio di equipaggi di astronauti ha fatto maturare una profonda conoscenza di medicina a distanza, di interventi medici con follow up e anche di formazione: tutto in condizioni di eccezionale complessità, proprio come quelle che ci troviamo a fronteggiare oggi con la pandemia in corso.

I risultati ottenuti dalle aziende che vinceranno il bando saranno a disposizione non solo dell’Italia,  ma anche degli altri Paesi che fronteggiano l’emergenza sanitaria più grave del secolo.

La partita contro il virus è aperta, tutti sono chiamati a partecipare. Dal canto suo, l’Istituto nazionale di Astrofisica (Inaf) ha censito i laboratori in suo possesso che potrebbero essere utili nello studio del contrasto al virus. E sta portando avanti ricerche per annientare Covid19. Ce ne ha parlato Giovanni Pareschi, referente Inaf per le iniziative di contrasto al virus.

L’Istituto nazionale di Astrofisica “si è messo a disposizione immediatamente per contrastare la diffusione di Covid19, grazie ai laboratori d’avanguardia e alle tecnologie che normalmente vengono utilizzati per l’esplorazione del cosmo– spiega Pareschi-: metodi innovativi per la diagnostica, osservazione e controllo di aree popolate per controllare la diffusione delle persone e i loro movimenti tramite strumentazione usata per lo Spazio. Tra le cose più interessanti, lo studio che stiamo facendo per capire quanto la radiazione ultravioletta a diverse lunghezze d’onda possa infettare e annientare il virus“.

Non ci sono, però, solo scienza e tecnologia.  L’esperienza delle missioni spaziali è fatta anche di umanità, di emotività, di psicologia. Pensate agli astronauti, lontani da Terra e chiusi in spazi limitati con persone non di famiglia, alle prese con esperimenti e allenamenti in assenza di gravità. Sono proprio loro, forse, i più indicati a dare consigli per vivere nel modo più sereno il lungo periodo di isolamento a cui siamo sottoposti. Paolo Nespoli, intervistato dal Corriere della Sera, ha dato la sua ‘ricetta’, forte dei 313 giorni trascorsi in orbita sulla Stazione spaziale internazionale. Innanzitutto, spiega, è importante avere degli orari, una routine, una lista di cose da fare per non essere sopraffatti  dall’inedia. Chi non sta lavorando può dedicarsi a mettere in ordine, pulire, cucinare o fare il bucato. E poi ricordarsi sempre che si lavora per uno scopo comune, in questo caso, arginare il virus. 

Luca Parmitano, due esperienze sulla Stazione spaziale con le missioni ‘Volare’ e ‘Beyond’, ha partecipato attivamente alla campagna di sensibilizzazione per spingere le persone a rimanere a casa e arginare così la diffusione del virus.

In collegamento con Jovanotti per una diretta su Instagram, l’astronauta di Paternò ha invitato a prendere consapevolezza

Il consiglio? Trovare del tempo per sé. Mettere le cuffie e ascoltare musica , leggere un libro, insomma isolarsi per il tempo necessario per riprendere energie:  “Spero che sia un’occasione di acquisire consapevolezza, per avere un momento di crescita”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it