Crema, una maestra: "Anche noi alla ricerca del wi-fi"

Crema, una maestra: “Anche noi alla ricerca del wi-fi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CREMA – “La prima riunione a distanza l’ho fatta nascosta in macchina davanti all’ufficio postale dove c’è un wi-fi libero. Avevo paura che arrivasse la Polizia o i vigili ma sono rimasta lì fino alla fine”.

A parlare è la maestra Paola Adenti dell’istituto comprensivo ‘Crema 1’.

“Si è parlato solo– spiega la docente- delle difficoltà che hanno gli alunni ad accedere alla rete ma anche noi maestri non sempre abbiamo la possibilità di connetterci. A casa mia non ho una rete wi-fi, ho sempre lavorato da scuola e non pensavo dall’oggi al domani di trovarmi in questa condizione. Tra l’altro se avessi voluto dotarmi di un wi-fi in quel momento non avrei potuto farlo perché i negozi di telefonia erano tutti chiusi a causa dell’emergenza”.

Un problema risolto dopo qualche giorno con l’offerta di giga illimitati da parte delle compagnie telefoniche. Trovata la soluzione la maestra Paola è riuscita a contattate tutti i suoi alunni delle classi seconde per fare con loro lezione online di inglese, italiano e musica.

“Non ho attivato una classe virtuale- spiega Paola Adenti- ma ho mandato il materiale attraverso il registro elettronico. In queste settimane ho letto dei libri con i miei bambini, ho inviato loro dei video e schede che possono copiare senza bisogno di stampare nulla. Li ho visti rispondere e noi diamo loro un riscontro puntuale e personalizzato”.

Un gran lavoro che prevede anche una seria cernita del materiale che si trova sulla rete:

“Tutte le case editrici hanno buttato sul mercato tantissimi strumenti ma non tutti sono validi. Vanno scelti e serve parecchio tempo per farlo”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it