Meraviglie dallo spazio: i Pilastri della Creazione, l'iconica foto di Hubble

Meraviglie dallo spazio: i Pilastri della Creazione, l’iconica foto di Hubble

La nursery stellare si trova nel cuore della Nebulosa Aquila
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ci sono immagini che hanno fatto la storia, anche quella spaziale. Tra queste c’è i Pilastri della Creazione, la foto più iconica del telescopio spaziale Hubble.

Pilastri della Creazione

Scattata il 1° aprile del 1995, l’immagine mostra tre “pilastri” di polvere e gas cosmici nel cuore della Nebulosa Aquila (nota anche come M16), una nuvola di gas interstellare e polvere a 7000 anni luce dalla Terra.

La nebulosa si trova nel braccio a spirale interno della Via Lattea, noto come il braccio del Sagittario o Braccio Carena – Sagittario. Nel cielo della Terra, è visibile nella costellazione del Serpente (nella Coda del Serpente, per essere precisi).

Nebulosa Aquila (M16)

I Pilastri della Creazione fanno parte di una regione attiva di formazione stellare all’interno della nebulosa e nascondono le stelle appena nate nelle loro sottili colonne.
Una sorta di nursery stellare.

Pilastri ella Creazione visti da Hubble nel 2015 (sinistra) e nel 1995 (destra)

La Nebulosa Aquila può essere osservata attraverso un piccolo telescopio, al meglio durante il mese di luglio. Un grande telescopio e condizioni di visione ottimali sono necessarie per i Pilastri della Creazione.

Pilastri della Creazione a infrarossi

Nel corso degli anni l’iconica foto è stata rivisitata diverse volte.
In una delle ultime occasioni, i ricercatori hanno rilasciato l’immagine dei Pilastri della Creazione visti alla luce infrarossa, svelando quello che l’occhio umano non vede.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it