Maker@Scuola per l'Italia: le istruzioni per assemblare visori protettivi per medici e infermieri

Maker@Scuola per l’Italia: le istruzioni per assemblare visori protettivi per medici e infermieri

Il progetto di solidarietà legato all'emergenza coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È bastata una settimana al piccolo gruppo di ricercatori Indire che si occupa di didattica con le stampanti 3D per far crescere il progetto di solidarietà “Maker@Scuola per l’Italia”, legato all’emergenza nuovo coronavirus. Luca Bassani, Lorenzo Calistri, Alessandro Ferrini, Lorenzo Guasti e Gabriele Pieraccini, i cinque ricercatori del gruppo Indire 3D Print Squad, nel giro di pochi giorni hanno infatti progettato e realizzato, proprio grazie alla stampa 3D, un numero sempre crescente di visori protettivi destinati (e in molti casi già consegnati) a medici e infermieri impegnati nei reparti Covid-19 di alcuni ospedali toscani.

“Abbiamo diviso il lavoro in due fasi. Come prima cosa abbiamo iniziato a progettare, stampare e testare visori molto semplici, ergonomici e ragionevolmente sicuri da poter consegnare subito al personale che ne aveva bisogno. In parallelo siamo però anche entrati in contatto con medici che lavorano nei reparti Covid-19 e, in base ai loro suggerimenti, abbiamo progettato un secondo modello di visore, ancora più funzionale e sicuro” spiega Lorenzo Guasti.

Soddisfatti di questo nuovo prototipo, i ricercatori adesso lo mettono a disposizione della comunità, in piena filosofia Maker. Da oggi, sulla pagina dell’iniziativa, è infatti possibile trovare i file di stampa, i file di taglio della visiera e le istruzioni per l’assemblaggio del nuovo modello di dispositivo. Sarà dunque possibile anche ad altri produrre tali visori e farli arrivare a un numero sempre più alto di strutture sanitarie nazionali.

Si tratta di presìdi realizzati in proprio che non possiedono i requisiti di certificazione di quelli prodotti dalle aziende specializzate, ma nell’emergenza sono tuttavia strumenti utili per fronteggiare la carenza di materiale di protezione. Le scuole in possesso di stampanti 3D che volessero aderire a questa iniziativa possono farlo scrivendo a visori-covid19@indire.it per avere informazioni più dettagliate.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it