La convivenza tra fratelli in adolescenza ai tempi del coronavirus

La convivenza tra fratelli in adolescenza ai tempi del coronavirus

Cinque passi per gestirla al meglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

In questo momento di convivenza forzata dovuto all’emergenza legata al coronavirus, vi proponiamo un breve VADEMECUM per riuscire a gestire al meglio la convivenza con fratelli e sorelle, provando anzi a risolvere vecchi conflitti e a far crescere il rapporto!

Il rapporto tra fratelli e sorelle è un RAPPORTO SPECIALE, in cui si sperimentano MOLTISSIME EMOZIONI E SENTIMENTI CONTRASTANTI: amore e odio, ammirazione e invidia, desiderio di protezione e forte rivalità…

IN ADOLESCENZA il rapporto con i fratelli cambia, perché le differenze legate all’età si appianano e si percepisce una MAGGIORE PARITA’. È un momento in cui si può diventare molto INTIMI ma anche percepirsi molto DISTANTI…perché si ha bisogno di rompere un po’ con tutto quello che riguarda il passato!

COME GESTIRE AL MEGLIO LA CONVIVENZA?

1. COLTIVA I TUOI RAPPORTI PERSONALI
Questo è un momento in cui i propri amici e i propri fidanzati o fidanzate mancano molto. Si soffre la distanza e l’impossibilità di vederli e il fatto di dover condividere il tempo coi fratelli e non con loro, può creare un’aria tesa. In questo momento è proprio la tecnologia che può venire in soccorso. È importante continuare a mantenere questi rapporti mediante videochiamate, stabilendo dei veri e propri appuntamenti, protetti dall’ingerenza della presenza dei propri fratelli o sorelle, ritagliandosi degli spazi di privacy virtuali!

2. FAI A TURNO CON GLI SPAZI E I DISPOSITIVI TECNOLOGICI
I conflitti relativi agli spazi, in questo momento, possono essere particolarmente accesi. Se si divide la camera è importante “fare a turni” per avere un momento esclusivo, indossare le cuffiette per non disturbare l’altro o gli altri, ma anche quando si hanno camere separate, bisogna non invadere l’altro e ricordarsi di bussare! Anche con i dispositivi tecnologici il “fare a turni” può essere molto funzionale, importante però rispettarli, altrimenti i litigi sono assicurati!

3. AIUTA E CHIEDI AIUTO
I fratelli possono supportarsi nel comprendere come utilizzare le piattaforme della didattica on-line e questo può diventare un momento di scambio, confronto e dialogo. Chi è più esperto può insegnare all’altro come fare e ci si può far compagnia anche “facendo i compiti insieme”.

4. PROVA AD AFFRONTARE I CONFLITTI
È un momento in cui tanti nodi vengono al pettine e in cui i conflitti non risolti non possono più essere rimandati o evitati mediante la distanza. I litigi a questa età spesso hanno a che fare con invidia e competizione: ci si paragona e questo fa crescere o diminuire la propria autostima. Si può allora sfruttare l’occasione per affrontare le difficoltà, ricordandosi però di non aggredire l’altro, di ascoltare il suo punto di vista e di sintonizzarsi sulle emozioni profonde. Una buona risoluzione del conflitto prevede la possibilità di trovare un senso condiviso a quanto accaduto, prendendosi ognuno la responsabilità di ciò che è successo e di quanto si potrà fare per evitare che riaccada.

5. FAI CRESCERE IL RAPPORTO
Una buona relazione fraterna è fatta anche dal riconoscimento e dalla valorizzazione delle differenze e delle rispettive attitudini. Tra fratelli spesso l’invidia nasconde l’ammirazione dell’altro, unita alla paura di non essere abbastanza! Condividere apertamente quali sono gli aspetti che si invidiano e si ammirano nel fratello o nella sorella aiuterà a potenziare l’autostima da entrambe le parti, e magari diventerà l’occasione per migliorare alcuni aspetti personali, chiedendo aiuto all’altro su come fare. Ti ricordiamo inoltre che se stai affrontando un momento difficile, sul sito www.diregiovani.it puoi trovare “LONTANI MA VICINI” 30 psicologi disponibili a rispondere alle tue domande e ai tuoi bisogni.

CURIOSITA’

Nel 2008 Christopher Ciccone, fratello di Madonna, disse a Deborah Roberts e a milioni e milioni di telespettatori, nella trasmissione della Abc Good Morning America: “Vede, da quando è diventata una star, mia sorella ha esercitato il suo potere su ogni cosa e su ogni persona che ha avuto a portata di mano. Ora ci sono tre cose che non può più controllare: il fatto che il 16 agosto compie 50 anni, suo marito Guy Ritchie (ora ex marito), e me”. Fratello e sorella hanno lavorato insieme a lungo, dato che Christopher è stato art director e stilista personale di Madonna. Cristopher è arrivato a pubblicare nel 2008, senza che Madonna ne fosse a conoscenza, un libro dal titolo “Life with my sister Madonna”, dove ha svelato aneddoti e storie sconosciute sulla vita privata della cantante, pronunciandosi in modo molto negativo su di lei. Un libro mosso certamente da un forte desiderio di rivendicazione…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it