Ellen Pompeo mette in discussione la frase più famosa di Grey's Anatomy

Ellen Pompeo mette in discussione la frase più famosa di “Grey’s Anatomy”

A pronunciarla proprio lei in una scena con Patrick Dempsey, aka Derek
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Prendi me, scegli me, ama me” è probabilmente una delle battute più famose della storia di Grey’s Anatomy. Nella seconda stagione, Meredith confessa il suo amore a Derek e gli chiede di scegliere definitivamente tra lei e la moglie, Addison, tornata nella sua vita all’improvviso. Quindici anni dopo, Ellen Pompeo mette in discussione quella frase tanto amata dai fan della serie in un’intervista a Variety.

“Quando ho pronunciato la frase ‘prendi me, scegli me, ama me’ stavo pensando: ‘Perché lo sto facendo? Perché sto implorando una persona di amarmi?’ Per me, questo non è stimolante”, ha spiegato l’attrice.

Da allora, “Meredith è molto più forte – ha aggiunto – si è semplicemente evoluta. Grey’s Anatomy è un telefilm diverso dagli altri per i tanti anni in cui è andato in onda. Questo fattore ci ha permesso di crescere e di adeguarci alla realtà”.

Il personaggio, negli anni, è diventato uno dei medici più stimati a livello internazionale, capo del reparto di chirurgia generale, vincitrice del famoso premio Harper Avery e madre single di tre bambini. Meredith è, così, un esempio per i giovani specializzandi che si uniscono alla serie e per i ragazzi di tutto il mondo che la guardano sul piccolo schermo. Una donna forte e determinata che, come ha ripetuto più volte Ellen, non dipende da nessun uomo. 

“Molti – ha raccontato – mi contattano e mi dicono: ‘Sono andato al college di medicina grazie a te’, ‘Ho scelto di proseguire i miei studi all’università a causa tua’, ‘Sono una radiologa per merito tuo’. È una cosa straordinaria”.

 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it