RECENSIONE| Summertime: una storia d’amore che diventerà la vostra colonna sonora

Ecco le 8 cose che vorrete dopo aver visto la serie

ROMA – “Estate, sei calda come i baci che ho perduto. Sei piena di un amore che è passato, che il cuore mio vorrebbe cancellare […] Odio l’estate, che ha dato il suo profumo ad ogni fiore. L’estate che ha creato il nostro amore per farmi poi morire di dolore […]”.

Negli Anni 60 usciva questa meravigliosa canzone di Bruno Martino, riproposta da Giorgio Poi in Summertime, la nuova serie originale Netflix, prodotta da Cattleya, disponibile dal 29 aprile. Parole che sembrano essere state scritte per Ale e Summer, i protagonisti di una moderna love story dal sapore vintage, interpretati rispettivamente dalla star di ‘Skam Italia’ Ludovico Tersigni e dall’esordiente Coco Rebecca Edogamhe.

SUMMERTIME: NON ASPETTATEVI BABI E STEP DI TRE METRI SOPRA IL CIELO

La storia raccontata in ‘Summertime’ è ispirata al libro ‘Tre metri sopra il cielo’ di Federico Moccia, ma non aspettatevi di ritrovare  Babi e Step, i protagonisti di ‘3MSC’, in Ale e Summer. Quella raccontata nella nuova serie Netflix è una moderna storia d’amore , ambientata durante l’estate sulla costa adriatica, dal sapore un po’ vintage, che richiama alla mente i film ‘vecchi’ dei fratelli Vanzina.

Summer e Ale sono diversi dai personaggi di Moccia. Lei proviene da una famiglia di artisti: mamma Isabella (interpretata da Thony) un tempo cantava ma con la carriera musicale avviata del compagno ha dovuto appendere il microfono al chiodo, trovare un lavoro allo stabilimento Bagno Paradiso e pensare a Sammy e Blue (interpretata dall’esordiente Alicia Ann Edogamhe, sorella di Coco), la figlia più piccola. Tra le passioni di Summer ci sono lo skateboard, la musica e i suoi due migliori amici: Edo e Sofia, interpretati rispettivamente dagli esordienti Giovanni Maini e Amanda Campana. Lei è una ragazza che rifiuta di omologarsi alla massa e sogna di volare lontano ma sa di essere il collante della sua famiglia. Frequenta il liceo linguistico e con l’arrivo dell’estate decide di andare a lavorare in un hotel perché a lei non piace il periodo estivo e lavorando passa più in fretta. Fino a quando il suo cammino non incrocia quello di Ale e l’estate, come vedrete nel corso degli episodi, le sembra troppo breve. Lui, invece, è un ex campione di moto, ribelle, deciso a riprendere in mano le redini della sua vita lontano dal circuito ed ha un irresistibile accento romano. Ha un rapporto conflittuale con il padre. A sostenerlo ci pensano la madre e l’amico di una vita Dario, interpretato da Andrea Lattanzi

Quando Ale e Summer si incontrano sono fin da subito uniti un’attrazione innegabile ed il mondo che li circonda sembra fermarsi. Ma devono fare i conti con l’estate che finisce, con decisioni difficili da prendere, con le emoji su Whatsapp, app di incontri, con i turbamenti degli amici di sempre e gli equivoci. Tutti questi elementi si mescolano nella narrazione creando una storia che vorresti non finisse più e che, molto probabilmente, continuerà in una seconda stagione (speriamo di sì!). 

Summertime
Summertime

Summertime
Summertime

Stefania Rosini/Netflix
Stefania Rosini/Netflix

Stefania Rosini/ Netflix
Stefania Rosini/ Netflix

Stefania Rosini / Netflix
Stefania Rosini / Netflix

Stefania Rosini / Netflix
Stefania Rosini / Netflix


Precedente
Successivo

LA COLONNA SONORA DI GIORGIO IN ‘LOOP’

In ‘Summertime’ tutto è curato nei minimi dettagli: dalla regia alla fotografia, dalla sceneggiatura alla musica (che irrompe piacevolmente nella storia). Curata da Giorgio Poi, la colonna sonora è una vera ‘bomba’ da ascoltare in loop. L’obiettivo dell’artista, attraverso la musica, è stato quello di ricreare i fremiti estivi e ci è riuscito alla grande. Sulla soundtrack è stato fatto un lavoro così accurato che le canzoni sembrano siano state scritte apposta per raccontare le vicende di Ale, Summer, Edo, Sofia e Dario. Applausi per Giorgio: impossibile non cantare i brani di ‘Summertime’ che toccano generi e gusti diversi e tra loro lontani come ‘Il mondo’ di Jimmy Fontana, ‘I like Chopin’ dei Gazebo, ‘Missili’ di Frah Quintale e ‘Leoni’ di Francesca Michielin (entrambi featuring con Poi), ‘Il cielo in una stanza’ di Gino Paoli, ‘Cuore’ di Clavdio, ‘Thoiry’ di Achille Lauro, ‘Estate dimmerda’ di Salmo e ‘Stanza singola’ di Franco126 in featuring con Tommaso Paradiso

‘SUMMERTIME’ VI PIACERÀ…ECCOME SE VI PIACERÀ!

‘Summertime’farà breccia nel cuore di tutti gli adolescenti e non. Oltre ad una indimenticabile colonna sonora, la serie ci fa emozionare con le varie situazioni amorose che si innescano tra i personaggi ma regala anche degli spunti di riflessione interessanti e, forse, è per questo che le serie teen non piacciono solo ai giovanissimi ma anche agli adulti. La serialità dedicata ai giovani si sta evolvendo verso tematiche più complesse e ‘Summertime’ ne è l’esempio. Si parla non solo dei primi amori ma anche dell’universalità dell’amore, dell’omosessualità, della verginità, dei conflitti familiari, delle incertezze degli adolescenti legate al futuro, del cambiamento personale e delle scelte difficili da prendere: per esempio, scegliere se seguire l’amore e la carriera. Ma in questa serie c’è dell’altro. I dialoghi sono ben scritti: sono ‘freschi’, sanno parlare ai giovani e non sono accompagnati da moralismi e dietrologie. Senza dimenticare la fotografia e le performance di Coco, Ludovico, Andrea, Amanda, Giovanni, Alicia e Thony. Ognuno di loro ci ha fatto riflettere, emozionare, sognare e ridere attraverso i personaggi che hanno saputo interpretare con naturalezza e sincerità.

LE 8 COSE CHE VORRETE DOPO AVER VISTO ‘SUMMERTIME’

  1. Ale dietro la macchina da presa per dirigere un documentario sull’accoppiamento dei fenicotteri.
  2. Prendere lezioni di tedesco da Edo.
  3. Fare un corso di interpretazioni emoji con Sofia.
  4. Ascoltare musica con Summer.
  5. Accordare chitarre con mamma Isabella.
  6. Imparare insieme a Dario a capire i segnali d’amore della persona che vi corteggia.
  7. Rivedere ‘La casa di carta’ con Blue’.
  8. Sapere il nome dello stilista delle camice del papà di Ale. 

La serie, composta da otto episodi, è diretta da Lorenzo Sportiello e Francesco Lagi ed è scritta da Sofia Assirelli, Enrico Audenino, Mirko Cetrangolo, Daniela Delle Foglie, Daniela Gambaro, Francesco Lagi, Vanessa Picciarelli e Anita Rivaroli.

2020-04-28T17:18:32+02:00