Musica, parole e immagini nel nuovo EP di Corteccia

Dopo l'album d'esordio omonimo esce Quadrilogia degli stati d'animo, il progetto artistico a trecentosessanta gradi di Pietro Puccio e Simone Pirovano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Roma – Cosa succede se un artista visivo e un ricercatore del suono si uniscono per dare vita ad un progetto musicale? Lo scopriamo entrando nel mondo di “Corteccia”. Pietro Puccio vive a Milano ed è insegnante d’illustrazione e disegno alla NABA di Milano, Simone Pirovano vive in Brianza e ha fatto della ricerca del suono e della comunicazione il suo mestiere. Dopo un album d’esordio omonimo è appena uscito il nuovo EP Quadrilogia degli stati d’animo, un progetto artistico a trecentosessanta gradi.
«Nella musica c’è molto segno, e nel segno ci sono musicalità e ritmo: è necessario legarli insieme».

Quadrilogia degli stati d’animo raccoglie dentro di sé quattro brani tematici, ognuno dedicato a un diverso stato emotivo. Dal peso delle ossessioni (Solidi) al senso di estraneità che si prova quando si è circondati dalle persone (Sono la montagna lontana), dalla frustrazione del tenersi dentro pensieri e parole (Il silenzio danneggia) fino al sollievo che si prova superate le difficoltà (Oasi): la prima Quadrilogia di Corteccia tratteggia emozioni e produce visioni fra materia e sogno. L’EP associa sonorità profondamente contemporanee a progressioni vicine agli anni Sessanta, mescolando pianoforte, voce, batteria e strumentazioni digitali.
Un insieme che non si esaurisce nell’ascolto: le tonalità calde generate dalla commistione di analogico ed elettronico, gli impasti vocali e le ritmiche asciutte traspongono visivamente la concretezza e la matericità dei suoni. Anche i testi, ricchi di metafore e di suggestioni visive, costruiscono situazioni e atmosfere, più che narrazioni sequenziali.

Per questo, i video che accompagnano i brani – tutti autoprodotti – rivestono una grande importanza nel progetto.

L’imprecisione fortemente ritmica delle animazioni in stop-motion diventa una ricerca estetica: un racconto che si avvicina alla non linearità degli stati d’animo.

Il concept di Corteccia è la simbiosi organica tra musica, parole e immagini, per raccontare nel modo più preciso, ricco e profondo possibile storie e situazioni vissute da tutti o, in quest’ultimo disco, il mondo complesso dell’interiorità. 

Quadrilogia degli stati d’animo accompagna l’ascoltatore dal fuori al dentro e dal dentro al fuori, attraversando la propria scorza, come fosse il respiro di una grande corteccia.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it