"Autocertificanzone" è il nuovo singolo de Lo Stato Sociale

“Autocertificanzone” è il nuovo singolo de Lo Stato Sociale

Il collettivo torna dopo l’esibizione al concerto del primo Maggio direttamente da Piazza Maggiore, con la toccante dedica a Mirko dei Camillas
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Autocertificanzone” è il nuovo singolo de Lo Stato Sociale, disponibile da oggi su tutte le piattaforme per Garrincha Dischi/Island Record. La band torna dopo l’esibizione al concerto del Primo Maggio direttamente da piazza Maggiore, con la toccante dedica a Mirko dei Camillas.

Il collettivo bolognese rilascia questa instant song per raccontare un viaggio immaginario al di là dello spazio vitale delle nostre case. Nello specifico nei supermercati che, per paradosso, diventano uno dei pochi luoghi dove poter rivedere le persone care, melting pot di voci e sorrisi nascosti dalle mascherine.

L’anteprima della canzone nei supermercati

Il brano è stato presentato in anteprima sabato scorso nei soli spazi pubblici dove si può ancora ascoltare musica: proprio nei negozi di alimentari nelle radio in-store delle maggiori catene di supermercati italiani.

Scritto e composto in remoto tra Roma e Bologna, assemblato e prodotto da Matteo Romagnoli e Francesco Brini (come già accadde per Turisti della democrazia e L’Italia peggiore) al Donkey Studio nella piccola città di Medicina, il risultato è un brano Lo-Fi che ricorda i primi lavori della band e che sicuramente farà fare ai fan più affezionati un tuffo nel passato. “Autocertificanzone” è un brano che affonda le sue radici nelle origini de Lo Stato Sociale ma rappresenta anche lo sguardo scanzonato e ottimista verso il futuro; un futuro che mai come oggi, speriamo non sia troppo lontano. 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it