L'esordio rap di Yarko con il singolo "Malessere"

L’esordio rap di Yarko con il singolo “Malessere”

Il brano suona in esclusiva Spotify fino al 7 maggio, dall'8 sarà online su tutte le piattaforme digitali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – “Malessere” è scritto sopra ad un beat martellante che si pianta in testa nascondendo il disagio generato dalla realtà circostante nel momento in cui non si comprende e non si viene compresi da chi ci circonda all’interno del nostro stesso ambiente. Il nuovo singolo, puramente rap, è di Davide Calà, in arte Yarko. Di Trieste, classe 2002, il giovane rapper fa uscire il brano in esclusiva Spotify, dall’8 maggio invece  suonerà su tutte le piattaforme digitali.
 
Un linguaggio esplicito e senza filtri, insieme alla capacità di trovare la giusta miscela tra provocazione e ironia, sono gli elementi che caratterizzano lo stile di Yarko.
 
Il brano, in italiano, si conclude con la frase “Welcome to the jungle, remember the name Yarko”. L’artista si sente alieno nel caos di gioie e dolori che lo circonda ma nulla è perso. 

Yarko inizia con il freestyle nel 2013 e affina la sua tecnica nel 2015, quando inizia a buttare giù delle prime bozze fino a scrivere dei veri e propri testi. La sua esigenza di scrivere nasce dal voler tirare fuori tutto quello che ha dentro: gioie, dolori e tante altre emozioni, come motore per muovere la propria musica.

“Malessere”, pubblicato in collaborazione con Indieffusione (distribuzione Pirames International), è nato dalla voglia di trasformare le esperienze e le emozioni della vita quotidiana in musica per trasmettere un messaggio di riscatto, per comunicare la necessità di dover reagire davanti ai problemi e alle difficoltà, perché nulla è impossibile se lo si vuole.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it