Bottiglie di origine vegetale nel futuro di Coca-Cola

Bottiglie di origine vegetale nel futuro di Coca-Cola

In sviluppo un nuovo imballaggio sostenibile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Sono oltre 300 milioni le tonnellate di plastica prodotte nel mondo ogni anno. Di queste, una larga parte finisce dispersa in natura e negli oceani. Per questo motivo colossi delle bevande come Coca-Cola e Carlsberg hanno appoggiato il Plastic Bottle Project, un programma che mira a sostituire gli imballaggi di plastica con un materiale vegetale in grado di decomporsi completamente entro un anno dal compostaggio.

Il progetto è gestito da The Paper Bottle Company (Pabaco), una joint venture tra lo sviluppatore di materiale di imballaggio in carta BillerudKorsnäs e lo specialista della produzione di bottiglie Alpla.

La società biochimica olandese Avantium, anch’essa parte del progetto, si occuperà di sviluppare un composto vegetale abbastanza resistente da contenere le bevande. Il primo passo sarà l’utilizzo del PEF, una plastica a base vegetale, riciclabile al 100% sviluppata dall’azienda, che sarà impiegato come base di supporto.

Lo scopo è quello di riuscire a produrre questi nuovi contenitori di bevande entro il 2023.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it