Posso causare una gravidanza con la masturbazione?...

Posso causare una gravidanza con la masturbazione?…

Io sono un ragazzo di 18 anni che vive la sessualità in modo un pò ansioso purtroppo. A volte troppo e mi succede spesso di ripensare molto a ciò che è passato per vedere eventuali ‘situazioni pericolose’.
Vorrei condividere con voi questa esperienza per sapere cosa ne pensate. Qualche giorno fa ero con la mia ragazza e abbiamo fatto dei preliminari. Prima di venire mi sono coperto con un fazzoletto per evitare di sporcare il letto. Pochi istanti dopo (1-2 minuti) con la stessa mano con cui avevo posizionato il fazzoletto ho iniziato toccare lei.
Vorrei precisare che le ho praticato la masturbazione esterna toccando solo la parte del clitoride senza avere alcun contatto con la parte interna della vagina. Inoltre, guardando la mia mano sembrava che non fosse venuta a contatto con lo sperma in quanto non era né ‘sporca’ di sperma, né umida.
Quello che vorrei chiedervi è: secondo voi c’è un effettivo rischio di gravidanza? In altre parole, è possibile che se sulla mia mano ci fosse qualche piccolo rimasuglio di sperma che non ho notato (dato che se fosse stata una grande quantità me ne sarai accorto guardando/lo avrei sentito) esso possa causare una gravidanza anche solo con la masturbazione del clitoride?
Grazie in anticipo

Anonimo, 18 anni


Caro Anonimo,
da quello che scrivi sembra che non ci sia stato un rapporto completo, ma il tuo dubbio riguarda il petting (o come li definisci tu) preliminari, è corretto?
In questo caso ti può essere utile sapere che con il solo petting non è possibile instaurare una gravidanza, affinchè ciò possa avvenire è necessario che ci siano alcune condizioni, ovvero: ci deve essere un rapporto completo, con eiaculazione interna e la donna si deve trovare nel suo periodo fertile che in un ciclo regolare dovrebbe ricadere tra l’11° e il 18° giorno del ciclo
Inoltre gli spermatozoi a contatto con l’aria o con altre superfici hanno una breve durata, per cui perdono la loro efficacia.
Tutto questo ti può tranquillizzare, e speriamo aiutare anche a riflettere sulla sessualità e sul modo in cui la vivi.
Scrivi, anche, che spesso ti capita di ripensare a cosa è accaduto in termini ansiosi,  a tal proposito bisogna tener conto che il modo in cui ognuno vive la sessualità è influenzato da innumerevoli fattori: emotivi, fisici, sociali, etici, religiosi, famigliari e così via. I primi approcci alla sessualità, quindi, possono essere caratterizzati da emozioni anche contrastanti: eccitazione e curiosità per la nuova esperienza, ma anche paura e ansie rispetto a quello che accadrà durante e dopo. Per vivere in modo consapevole tale esperienza può essere utile parlarne con il proprio partner, o con un altro adulto di cui ti fidi, inoltre puoi essere maggiormente consapevole raccogliendo informazioni, anche attraverso la nostra rubrica “Se…so è meglio” dove troverai articoli che affrontano il tema della sessualità e l’affettività.
Speriamo di averti offerto degli spunti di riflessione utili,
torna a scriverci se hai altri dubbi o domande.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it