Un camper, tanta musica e un viaggio in solitaria per ritrovare la famiglia

Un camper, tanta musica e un viaggio in solitaria per ritrovare la famiglia

"Ticket to read on the road" è l'avventura in giro per l'Italia di Margherita Schirmacher. Il racconto di viaggio è in diretta radiofonica e sui social
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – Un viaggio solitario per l’Italia con un microfono e un centinaio di cd. Un camper, mai guidato prima, tanti cavi e un po’ di attrezzatura per una connessione impeccabile. “Ticket to read on the road” è la sfida che, con la riapertura dei confini, farà ‘ricongiungere’ la 31enne Margherita Schirmacher con un pezzo di famiglia che vive in toscana. Non si vedono da Natale e vorrebbe raggiungerli con calma, senza sospendere la trasmissione radiofonica Ticket To Read che conduce su Radio Kaos Italy.
«In questi mesi ho trasmesso da casa, con uno studio portatile costruito nelle prime settimane di quarantena chiedendo agli amici vicini di quartiere di prestarmi cavi e microfoni. – Racconta Margherita – Mi occupo di eventi culturali e ora, nell’attesa di capire quale nuova forma prenderà l’universo professionale legato alla cultura e agli eventi… è tempo di respirare e cercare nuove ispirazioni, uscendo fuori casa».
Lo scoglio più grande – e cioè la ricerca di un camper – è stato superato grazie alla rete di amici sui social. In un post Margherita ha raccontato il progetto di fare radio in un viaggio itinerante, per ritrovare la famiglia ma anche per incontrare dal vivo chi, durante il lockdown, le ha tenuto compagnia da vari luoghi d’Italia con concerti, webinar o dirette Instagram. L’unico modo per sentirsi al sicuro e ritrovare il senso di libertà perduto era perciò trovare una casa su quattro ruote nella quale dormire, perché adesso è il momento di ripensare stili di vita e modi di viaggiare. Così è arrivato Goboony, una piattaforma di sharing mobility che ha sposato il progetto “Ticket to read on the road” diventando a tutti gli effetti un ‘partner’ di viaggio.
Tra le tappe in programma, al via da oggi, ci sono la sosta al Borgo Consapevole, a nord di Orvieto, un progetto di rinascita e ripopolamento incentrato sul recupero degli antichi mestieri all’insegna di sostenibilità, crescita personale e spirituale; Norcia, tra la ricostruzione e la riapertura ma anche incursioni a casa di scrittori e musicisti, fino all’atteso ‘ritrovo’ del babbo e dei nonni.
«La quarantena ci è servita anche a questo, giusto? Decidere di smettere di correre. Dopo mesi nei quali abbiamo percepito il mondo come ostile, questo sarà un viaggio e una trasmissione su quattro ruote per sentire e raccontare il mondo esterno come la nostra casa» spiega Margherita.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it