Genova, docente primaria Morante: “Dad è ponte tra generazioni”

Intervista ad Antonella Cantatore

ROMA – “Ho deciso di ribattezzare la didattica della distanza in didattica della vicinanza perché in questi mesi siamo riusciti a fare cose inimmaginabili”.

A parlare così, senza nascondere l’emozione e la soddisfazione, è Antonella Cantatore, maestra alla scuola primaria ‘Morante’ di Genova. Con diregiovani.it Cantatore ha tirato le fila del lavoro svolto sinora raccontando le ultime iniziative per le due classi quinte, già tenute o ancora da tenersi.

“Intanto abbiamo incontrato Michele Savoia, il cattivo del film dei ‘Me contro te’. Lui dalla Puglia e noi a Begato, figuratevi se sarebbe mai potuto venire con tanta facilità, invece al mio invito in live ha accettato in un secondo. È stato divertentissimo e lui disponibilissimo, i bambini erano estasiati e dietro i miei alunni vedevo radunati fratellini e sorelline. Oggi, invece, abbiamo incontrato la youtuber ‘La Sabri’ che è testimonial del programma del ministero delle Politiche Agricole ‘Frutta e verdura nella scuole’. Poi- ha proseguito Cantatore- per la giornata del jazz, abbiamo avuto ospiti due jazzisti, Sebastian Mannutza e Cristiana Polegri; il primo ha incantato i bambini con il suo violino, la seconda con il suo sax. In questo modo abbiamo portato avanti anche la didattica, dato che i generi musicali rientrano nella programmazione curricolare. E mi ha colpito notare che stavolta, in collegamento con gli alunni, c’erano i nonni”.

La scuola che collega le generazioni, entra nelle case delle famiglie e con le sue attività coinvolge materialmente la comunità:

“È questo che mi ha colpito davvero moltissimo della Dad- sottolinea Cantatore– Se penso ai collegamenti fatti dalle nostre cucine, i luoghi della nostra intimità. Stiamo veramente entrandoci reciprocamente nelle case. Il risultato è che gli aspetti relazionali sono completamente ribaltati”.

Gli ultimi giorni di scuola, specie per le quinte, sono momenti in cui portare a compimento i progetti importanti:

“Come ‘Esploratori di memoria’- spiega l’insegnante- Abbiamo iniziato in seconda a cercare pietre, targhe, ceppi e a lavorare sulla memoria della resistenza e della Shoah. Quest’anno con Anpi abbiamo colorato il nostro 25 aprile. E allora, come degno atto conclusivo del nostro cammino, il 10 giugno ospiteremo il presidente della sezione Anpi ‘Cerofolini’ di Genova Luciano Della Scala insieme al partigiano Giotto, al secolo Giordano Bruschi, che il comune di Genova ha insignito dell’onorificenza ‘Grifo d’oro’. Siamo lusingati che il sig. Bruschi, non potendo essere presente per via di altri impegni, ha deciso di registrare un video in cui risponde alle domande pensate dai nostri alunni i quali, per la dedizione dimostrata, saranno omaggiati dei classici fazzoletti rossi della sezione e di alcuni libri. Come dico sempre, si diventa grandi da piccoli”.

2020-06-05T15:11:57+02:00