Studente italiano laureato in clarinetto a Chicago

Studente italiano laureato in clarinetto a Chicago

Da marzo le università sono chiuse, cancellato concerto di laurea
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La mia laurea si sarebbe dovuta tenere il 5 giugno. Sarebbe stato un concerto davanti a migliaia di persone, ma a causa del Covid-19, la mia esibizione è stata annullata”.

Così in un’intervista a diregiovani.it, Antonio Garrasi, primo italiano laureato in clarinetto alla Northwestern University ad Evanston, in Illinois (Stati Uniti), racconta la sua esperienza universitaria durante l’emergenza sanitaria. Nato in Sicilia, ma americano d’adozione, il musicista 28enne ha conseguito 5 anni fa la triennale al conservatorio di Catania per poi proseguire gli studi oltreoceano.

“Aspettavo da tempo- prosegue- il momento che avrebbe segnato il culmine della mia carriera universitaria, invece mi sono stati convalidati i crediti ed il 19 giugno, probabilmente in video-conferenza ci sarà la proclamazione di laurea”.

L’aspetto più triste per il giovane maestro di clarinetto è stato quello di non avere potuto riabbracciare i suoi genitori:

“Sarebbero dovuti arrivare in America per assistere al mio concerto, ma a causa della diffusione del Coronavirus i loro voli sono stati cancellati. Da marzo siamo in lockdown, è tutto chiuso, e la sera nessuno esce per strada”.

Ma Antonio non si ferma e pensa al suo futuro:

“Las Vegas Philharmonic, Tucson Symphony Orchestra, Nevada Ballet Theatre, Civic Orchestra of Chicago sono le orchestre con cui suono regolarmente e, nel frattempo, mi sono iscritto all’università di medicina”. “Dell’Italia, mi manca la mia famiglia- conclude- i luoghi in cui sono cresciuto, la nostra cucina è impagabile. Ma in America mi sono formato, è il paese che mi dà la possibilità di fare carriera e di studiare con grandi musicisti ed insegnanti come Steve H. Cohen e Mark Nuccio. Qui mi sono stati riconosciuti il mio impegno ed i miei sacrifici”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it