VIDEO| The Old Guard: Luca Marinelli mercenario nel nuovo trailer

VIDEO| The Old Guard: Luca Marinelli mercenario nel nuovo trailer

Il film è disponibile dal 10 luglio su Netflix
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Luca Marinelli: mercenario pronto a tutto, immortale, sporco di sangue, doppiato con la sua voce e a stretto contatto con Charlize Theron. Tutto questo nel nuovo trailer di The Old Guard, disponibile dal 10 luglio su Netflix.

LA STORIA

Da secoli il mondo dei mortali è protetto da un gruppo clandestino guidato da una guerriera di nome Andy (Charlize Theron). Al suo interno ci sono mercenari molto uniti tra loro e che stranamente non possono morire, interpretati da Matthias Schoenaerts, Luca Marinelli e Marwan Kenzari. Dopo aver scoperto l’esistenza di un nuovo immortale (la marine interpretata da KiKi Layne), il team dovrà combattere per restare unito e mantenere i poteri.

Durante una missione urgente le straordinarie capacità dei componenti della squadra diventano improvvisamente pubbliche. Ora tocca ad Andy e all’ultima arrivata Nile (Kiki Layne) aiutare il team a scongiurare il pericolo rappresentato da chi, a qualsiasi prezzo, intende replicare e sfruttare economicamente questo dono.

Tratto dal celebre fumetto di Greg Rucka e con la regia di Gina Prince-Bythewood, il film racconta una storia cruda, ancorata alla realtà e piena d’azione che dimostra come vivere per sempre non sia così semplice.

SECONDA ESPERIENZA INTERNAZIONALE PER MARINELLI

Questa rappresenta la seconda esperienza internazionale per Luca Marinelli. La prima, infatti, è stata con la serie ‘Trust’ di Danny Boyle. 

Inoltre, l’attore è atteso sul grande schermo per il 31 dicembre nei panni di Diabolik firmato Manetti bros.

IL POSTER UFFICIALE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it