VIDEO| Gangs of London, da domani la nuova epopea criminale

VIDEO| Gangs of London, da domani la nuova epopea criminale

Dal 6 luglio su Sky e Now Tv
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Già dalle prime immagini rilasciate si preannuncia essere una di quelle serie che ci terrà incollati davanti lo schermo. Si tratta di Gangs of London. Dal 6 luglio alle 21.15 su Sky Atlantic, Now Tv e on demand,  i nove episodi della serie saranno animati dagli echi di Gomorra – La serie, dal gusto per il pulp di Tarantino, da una Londra che strizza l’occhio a Gotham City e da una famiglia criminale vecchio stampo, di origini irlandesi, che controlla i traffici, assicura la pace fra le gang e richiama, anche nella sua composizione, quella de Il Padrino.  La serie sarà un adrenalinico viaggio targato Sky Original che darà il via ad una nuova epopea di criminali (i più potenti della città). Rinnovata già per la seconda stagione dopo il successo di pubblico e critica nel Regno Unito, Gangs of London è stata creata dal visionario e pluripremiato regista del franchise ‘The Raid’ Gareth Evans e dal suo partner creativo Matt Flannery

LA STORIA

Da più di 20 anni Finn Wallace (Colm Meaney), il temuto e rispettato patriarca, è il criminale più potente della città, con miliardi di sterline che circolano ogni anno nella sua organizzazione. Basa il proprio potere su una fragile ma remunerativa alleanza di bande da ogni angolo del mondo, giunte a Londra a contrabbandare ogni cosa. Ora è morto e nessuno sa chi ne ha commissionato l’omicidio: chi può aver voluto rinunciare a uno status quo in cui tutti potevano fare ordinatamente e impunemente sporchissimi affari accumulando montagne di soldi? Il figlio di Finn, Sean Wallace (Joe Cole), è pronto a prendere il posto del padre ai vertici dell’impero, non prima di aver scoperto chi e perché lo ha ucciso e di averlo vendicato nel sangue. Per farlo, darà il via a una caccia all’uomo che metterà a repentaglio la difficile alleanza fra le gang della capitale britannica. Sean sarà aiutato dalla madre Marian (Michelle Fairley) e dalla famiglia Dumani, di origini nigeriane, formata da Ed (Lucian Msamati), da sempre braccio destro e amico fraterno di Finn, dal figlio Alexander (Paapa Essiedu), dall’aspetto impeccabile, un mago della finanza perfettamente inserito nel mondo della ‘buona società’ londinese, e dalla figlia Shannon (Pippa Bennett-Warner) – che collabora agli affari sporchi dei Wallace nascondendo la ricchezza di milionari e miliardari attraverso l’arte e le proprietà immobiliari. Ad aiutare Sean Wallace nella sua crociata si aggiungerà Elliot Finch, (Sope Dirisu), uno scagnozzo dei Wallace, che è stato considerato per tutta la vita un perdente ed è pronto a tutto per ottenere un ruolo più importante nell’organizzazione criminale.

I PERSONAGGI DI GANGS OF LONDON

Sope Dirisu è Elliot Finch, un delinquente di basso rango, scagnozzo dei Wallace, da tutti considerato un perdente, che non ha mai smesso di lottare per migliorare la propria condizione. Suo padre è stato un pugile mercenario che accettava denaro per farsi battere sul ring. Elliot odiava quello che faceva perché pensava che suo padre meritasse di più dalla vita. Ex militare, ha perso sua moglie e suo figlio. Desidera con tutte le sue forze un’altra occasione nella vita e cerca in tutti i modi di guadagnarsi la fiducia di Sean Wallace.

 Colm Meaney è Finn Wallace, figura di spicco della mala londinese per due decenni, è stato il boss di un’organizzazione che riuniva sotto la propria egida le bande criminali più importanti della capitale. Dopo il suo assassinio, spetta al resto della famiglia proteggere l’organizzazione. Finn arriva a Londra da giovane immigrato irlandese e riesce a costruire un impero dal nulla. Incontra Ed Dumani quando sono entrambi adolescenti e fra i due si instaura fin da subito un legame profondo. Sono uniti nella loro “alterità” rispetto ad una città che vorrebbe tagliarli fuori. Finn subodora subito il potenziale inespresso di questa città multiculturale, riciclando il denaro sporco dei principali leader delle bande di Londra e degli investitori internazionali su vasta scala. Finn ha tre figli – Billy, Sean e Jacqueline – avuti da sua moglie Marian.

Michelle Fairley è Marian Wallace, moglie di Finn e roccia della famiglia. Estremamente protettiva nei confronti dei figli, è altrettanto ambiziosa e risoluta nel fare tutto il necessario per mantenere il potere. Prima di diventare madre, era profondamente coinvolta negli affari di suo marito. Ma dopo aver dato alla luce Jacqueline, Finn chiede a Marian di fare una scelta: rimanere coinvolta in prima linea nell’attività criminale o fare un passo indietro per crescere i bambini. Marian sceglie i suoi figli – e con quella decisione vedrà ridimensionata la sua statura nel mondo criminale.

 Joe Cole è Sean Wallace, ragazzo cresciuto elemosinando l’amore e l’approvazione di suo padre. Ha sempre mostrato interesse per la parte criminale dell’azienda, volendo sapere di più su ciò che faceva suo padre. Ma quando quest’ultimo lo mette davanti ad una terribile prova d’iniziazione in occasione del suo 14esimo compleanno chiedendogli di uccidere un uomo per entrare nell’organizzazione, Sean non riuscirà a farlo. Il ragazzo ne uscirà profondamente cambiato. Sentirà di aver fallito. Ed è proprio in quel momento che maturerà la sua propensione alla violenza. Non vuole più essere quel ragazzo che non è riuscito a premere il grilletto. Sean è uno stratega carismatico e di successo e, soprattutto, ama la sua famiglia. Vede i Dumani come parte della famiglia, e per lui sono vitali come suo fratello, sua sorella e i suoi genitori. Con la morte di suo padre, Sean ha ora due obiettivi: scoprire chi ha ordinato il suo assassinio e consolidare il proprio posto ai vertici dell’impero dei Wallace. Presto scoprirà che raggiungere entrambi gli obiettivi è tutt’altro che semplice. Ossessionato dal pensiero che l’assassino di suo padre sia all’interno della sua organizzazione, Sean lascerà prevalere il suo lato violento e impulsivo al punto che l’organizzazione dei Wallace rischierà di perdere tutto.

Brian Vernel è Billy Wallace, il figlio maggiore. Ha cercato di esorcizzare il mondo disfunzionale nel quale è cresciuto sviluppando una dipendenza dall’eroina. Non si occupa degli affari sporchi della famiglia ma ha un rapporto di co-dipendenza con suo padre in quanto fornitore della droga di cui Billy ha estremo bisogno per sentirsi vivo. Come molti tossicodipendenti, Billy ha una vasta rete di contatti – e sa che questo potrebbe essere un enorme risorsa per Sean, se solo suo fratello la vedesse in quel modo. Dopo tutto, Billy ama molto il fratello: i due condividono la consapevolezza di cosa significa essere stati i figli di Finn Wallace, anche se le loro traiettorie nella vita sono state nettamente diverse.

Valene Kane è Jacqueline Robinson, figlia minore di Finn e Marian. Jacqueline non vuole avere più niente a che fare con la sua famiglia e con le loro attività criminali. A differenza di Sean e Billy, durante la sua adolescenza è stata tenuta all’oscuro del lato criminale degli affari di famiglia e quando finalmente scopre la verità decide di chiudere i rapporti con loro. Continua a voler bene a Billy e Sean ma detesta il fatto che sua madre e suo padre li abbiano coinvolti nei loro affari criminali. Determinata a reinventarsi, si dedica anima e corpo a fare del bene e diventa così un instancabile medico del pronto soccorso per restituire qualcosa alla comunità. Ma è difficile lasciarsi completamente alle spalle i Wallace, e quando suo padre verrà ucciso, sua madre intensificherà i suoi sforzi per ricondurla all’ovile.

Lucian Msamati  è Ed Dumani, braccio destro di Finn Wallace. Ed Dumani e Finn Wallace si sono conosciuti quando erano due giovani immigrati, desiderosi di farsi strada e diventare qualcuno a Londra proprio al tempo del famigerato “No blacks, no Irish”. Insieme, hanno preso il controllo del sottobosco criminale di Londra e da allora Ed è stato il braccio destro di Finn.  È un abile stratega e una figura influente all’interno dell’organizzazione Wallace ed è lui che gestisce la parte criminale dell’azienda. Ha mantenuto i segreti di Finn e si è assicurato che gli omicidi avvenissero lontano da sguardi indiscreti, tenendo i corpi lontani dalle strade. Padre di Alexander e Shannon e nonno di Danny, è stato felicemente sposato con Ayana e quando a sua moglie viene diagnosticato un cancro allo stadio terminale Ed è dilaniato dal dolore. Mentre Ayana è sul letto di morte, Finn e Marian si offrono di ospitare in casa loro Alex e Shannon per un po’, per evitare ai ragazzi il dolore di vedere la propria madre spegnersi in un modo così terribile. Ed è immensamente grato per questo gesto anche se è proprio durante quel periodo che Finn si accorge del potenziale di Alexander e dunque dal quel momento in poi Ed sa che il destino di suo figlio non sarà più nelle sue mani. Ma la paura per il destino di suo figlio va di pari passo con il suo orgoglio. Sa che Alex è il futuro dell’organizzazione. Ma quando Finn viene ucciso e Sean gli subentra, tutte queste certezze crollano in un batter d’occhio – e ora Ed deve lottare per tenersi stretto tutto ciò per cui ha lavorato una vita.

Paapa Essiedu è Alexander Dumani, il figlio di Ed, ragazzo acuto, intelligente, carismatico e vero e proprio mago della finanza. Quando la famiglia Wallace accoglie lui e sua sorella durante l’agonia della madre, stringe un profondo legame con Finn che è come un secondo padre per lui e Sean diventa come un fratello. Finn si interessa molto a lui, coltiva il suo talento e capisce che Alexander ha l’acume necessario per poter trasformare l’impero dei Wallace. Alexander è devastato quando Finn viene ucciso e parte di ciò che lo spinge ad andare avanti è il desiderio di onorare ciò che ha iniziato con Finn. Alexander è profondamente fedele a Sean ma ha l’obbligo di proteggere l’azienda. Capisce il suo amico, sa che c’è di più in lui oltre alla rabbia e alla vendetta. Tuttavia, Alex è una persona estremamente ambiziosa che ha le sue personali opinioni sulla direzione futura dell’azienda.

Pippa Bennett-Warner è Shannon Dumani, sorella di Alexander, lavora per l’organizzazione Wallace con il compito di contribuire a nascondere la ricchezza di milionari e miliardari attraverso l’arte e le proprietà immobiliari. Si mescola con quel genere di persone che qualcuno definirebbe sofisticate ed altri chiamerebbero amorali. È madre single di Danny, ma non lascia che le sue responsabilità le impediscano di divertirsi. Forse è per questo che rimane attratta da Elliot quando lo incontra.

I TEMIBILI LEADER DELLE GANG DI LONDRA

Asif Raza Mir è Asif Afidi, pakistano, un magnate dell’eroina che controlla la maggior parte della droga che entra nel Regno Unito. Suo figlio Nasir è candidato a sindaco mentre lui si occupa delle “altre cose”. Alleato di lunga data dei Wallace, il suo business rappresenta una grossa fetta delle entrate della famiglia Wallace. Asif è un traffichino spietato, ma i suoi incessanti tentativi di annientare un suo storico rivale curdo lo vedranno entrare in rotta di collisione con Lale, che sta cercando vendetta.

Orli Shuka è Luan Dushaj, un padre di famiglia devoto e ambizioso capomafia albanese, punta a diventare una pedina importante della giungla criminale di Londra. Molti all’interno dell’ecosistema criminale di Londra non si fidano di lui, ma Luan pensa che sia solo un pregiudizio. Di recente ha preso alcune decisioni rischiose, entrando in una partnership che potrebbe renderlo potente come gli stessi Wallace. Ma quando Finn viene ucciso, le cose iniziano rapidamente a prendere una brutta piega per Luan – e ben presto si renderà conto di aver fatto il passo più lungo della gamba.

Narges Rashidi è Lale. Lale gestisce un’attività di spaccio di eroina che finanzia la sua lotta per l’indipendenza curda. Ma le sue ambizioni politiche sono complicate dal suo desiderio di vendetta nei confronti di Asif, che ritiene responsabile dell’assassinio di suo marito. Gestisce la sua operazione da un bunker segreto nei sotterranei del negozio delle sue sorelle. Intelligente, affascinante e feroce, rifiuta di lasciare che la decisione di Sean di chiudere tutte le operazioni criminali a Londra le impedisca di fare soldi.

Mark Lewis Jones è Kinney, terrificante e brutale leader di una delle bande criminali di Londra. Kinney potrà anche non avere tanti soldi o potere come alcuni degli altri capi delle gang della serie, ma questo non gli impedisce di essere uno dei personaggi più temibili della città. Quando suo figlio diventa il bersaglio della rabbia di Sean, è costretto a sfidare la potenza della famiglia Wallace.

Ray Panthaki è Jevan Kapadia, una figura ambigua e sfuggente del business criminale londinese. Lavora come intermediario, collegando bande criminali con individui potenti e ricchi che non vogliono essere visti andare a braccetto con il mondo della criminalità. Un tempo dirigeva la sua società di intelligence privata, ha lavorato per un periodo al ministero degli Esteri e si mormora abbia numerosi contatti con agenzie di intelligence in tutto il mondo. È molto benestante perché è nato nella ricchezza, ha studiato a Cambridge e ha una fitta rete di conoscenze.

Jing Lusi è Vicky, una poliziotta ambiziosa che indaga sugli affari dei Wallace. È convinta che facendo bene il suo lavoro e magari risolvendo un caso importante – quale è quello dei Wallace – sarà ricompensata

La serie è prodotta da Pulse Films in associazione con Sister Pictures per Sky Studios. Thomas Benski e Lucas Ochoa sono i produttori esecutivi per Pulse Films insieme a Jane Featherstone per Sister. La serie è stata commissionata da Zai Bennett, Managing Director of Content di Sky UK e Cameron Roach, Director of Drama degli Sky Studios, con Gabriel Silver come produttore esecutivo per Sky Studios. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it