Elisa Taviti lancia RASNA, la sua nuova linea di Bijou

Elisa Taviti lancia RASNA, la sua nuova linea di Bijou

La collezione "Estate Italiana" è in esclusiva su The Fantabulous Shop, il concept store virtuale creato dalla fashion blogger insieme al marito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – La fashion blogger Elisa Taviti, 388mila follower su Instagram, ha lanciato un brand tutto suo. Si chiama RASNA (che significa Popolo Etrusco) è 100% Made in Italy ed è una linea di gioielli ispirata alla sua terra: la toscana. La creatrice del blog My Fantabulous World ha messo a punto il progetto durante il lockdown.
 
«La collezione si chiama ESTATE ITALIANA – racconta Elisa – perché vuol essere una celebrazione del mio paese e un buon auspicio per una grande ripresa. Quest’anno più che mai è necessario aiutare e sostenere la nostra meravigliosa Italia, da qui l’idea di realizzare prodotti 100% Made in Italy. Sono molto fortunata ad essere nata e cresciuta in una terra ricca di storia e artigianalità come la Toscana, per questo ho scelto di affidarmi esclusivamente ad aziende locali per la produzione della mia collezione.»
 
 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da E L I S A T A V I T I (@elisataviti) in data:

Bracciali, orecchini e collane da portare da soli o a groupage sono realizzati in argento e ottone, con bagni galvanici in oro giallo 22 carati, oro rosa 18 carati e rodio con l’aggiunta di perle d’acqua dolce, perline multicolor e conchiglie. I bijou dal costo accessibile si possono trovare in esclusiva su The Fantabulous Shop, il concept store virtuale creato da Elisa insieme al marito, che si prefigge di diventare un raccoglitore di prodotti del cuore selezionati personalmente dalla coppia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it