Lui violento, lei ha defecato nel letto. Depp vs Heard nel processo a Londra

Lui violento, lei ha defecato nel letto. Depp vs Heard nel processo a Londra

Volano le accuse tra i due ex coniugi nelle udienze attualmente in corso in tribunale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le accuse rimbalzano da una parte all’altra come in una partita di ping pong. È entrato nel vivo a Londra il processo che vede Johnny Depp contro l’ex moglie Amber Heard e il The Sun. Il tabloid è stato citato in giudizio per aver definito l’attore un “picchiatore di donne”, una definizione che, senza prove concrete, è sicuramente lesiva della sua immagine. 

Depp e la Heard si sono presentati all’High Court della capitale britannica, dove sono in corso le udienze che, nei prossimi giorni, vedranno al banco dei testimoni anche le ex della star Winona Ryder e Vanessa Paradise

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Johnny Depp Fans (@johnnydepponly) in data:

Nella sua difesa, Depp sostiene che la persona violenta in casa era la ex, “una donna dalla personalità borderline calcolata e ben diagnosticata”. Talmente fuori dagli schemi da aver persino defecato nel letto, per poi accusare il cagnolino di casa. Animale che Depp avrebbe fatto penzolare dall’auto in corsa, secondo quanto riporta la Heard. L’attrice, dal canto suo,  ribadisce la natura violenta del Pirata dei Caraibi, colpita a sangue in più di un’occasione. Versione che è ovviamente smentita dalla testimonianza di Depp.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Johnny Depp Chile (@johnnydepp.cl) in data:

Qualche tempo fa, a prova di quanto detto dall’attore, sono state rese pubbliche delle immagini che mostrano Johnny dopo una violenta lite che lo ha lasciato con un dito mozzato (QUI il resoconto). Quanto sostenuto da Amber e dal The Sun, che ha dedicato più articoli alla coppia, sarebbero secondo i legali di Depp “menzogne”.

Il processo, iniziato lo scorso febbraio e poi interrotto per l’emergenza Coronavirus, continuerà nei prossimi giorni. La sentenza è attesa per fine luglio. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it