Instagram censura Bella Hadid: ‘Non si può essere palestinesi?’

La denuncia della modella è stata condivisa da migliaia di utenti social
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Non ci è permesso essere palestinesi su Instagram? A chiederlo la modella americana Bella Hadid, in polemica con il social media per la rimozione di un post in cui ricordava con orgoglio le origini palestinesi del padre.

Il contenuto al centro della querelle è una foto del passaporto del genitore del modella, nata 23 anni fa a Los Angeles, recante il commento: Il mio papino e il suo luogo di nascita: la Palestina.

Secondo la modella, che ha pubblicato lo screenshot relativo, il post è stato eliminato dal social perché “viola le linea guida comuni su molestie e atti di bullismo”.

Dov’è l’atto di bullismo nell’essere orgogliosi del luogo di nascita del proprio padre” ha protestato Hadid, una delle dieci modelle più pagate al mondo secondo la rivista Forbes: “Non ci è concesso di essere palestinesi, su Instagram?” La modella ha aggiunto: “Non si può cancellare la storia costringendo le persone al silenzio, non funziona così”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Cinta Gaza Malaysia (@cintagazamalaysia) in data:

La denuncia di Hadid, che già nel 2017 aveva partecipato a proteste in favore della causa palestinese, è stata condivisa da migliaia di utenti social.

Alla fine sono arrivate anche le scuse di Instagram, che hanno fatto sapere di aver erroneamente rimosso il post perché “il regolamento non permette di condividere documenti personali”. Nel caso di Mohamed Hadid, il padre della modella, deceduto tempo fa, il numero del passaporto non era visibile.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Lucrezia Leombruni
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it