Pillole di stile | Occhiali da sole: come scegliere il modello giusto

Pillole di stile | Occhiali da sole: come scegliere il modello giusto

Per il viso tondo o squadrato senza tralasciare quello a cuore. I consigli da seguire per indossare la forma più adatta a noi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Lungi dall’essere soltanto degli accessori fashion e di stile, gli occhiali da sole sono prima di tutto dei preziosi alleati dei nostri occhi. La loro principale funzione di protezione, li rende accessori di primaria utilità per garantire la buona salute dei nostri occhi e della pelle delicata che li circonda. Di fatto, dei buoni occhiali da sole devono principalmente avere delle ottime lenti con questi requisiti:

– devono bloccare la quasi totalità dei raggi UV (sia UVA sia UVB).

– devono essere riconoscibili attraverso l’indicazione UV400 che significa che la lente blocca i raggi ultravioletti con frequenze fino a 400 nanometri, quelle in cui rientrano sia i raggi UVA sia quelli UVB. In questi casi, il livello di protezione è del 99-100 per cento.

Da tenere presente che la protezione dai raggi UV non è legata al colore degli occhiali: secondo la Fondazione Veronesi, non è detto che lenti più scure offrano maggiore protezione, per cui si può scegliere qualsiasi colore, l’importante è mettere al primo posto la qualità delle lenti e non solo l’estetica.

Nel corso degli anni questi accessori hanno amplificato il loro ruolo non solo nella moda maschile e femminile ma soprattutto nell’immaginario collettivo, divenendo un vero e proprio simbolo di personalità ed eleganza. Alcuni esempi su tutti: la direttrice di Vogue Anna Wintour che non si separa mai dai suoi grandi occhiali scuri Chanel perché “impediscono alle persone di fronte a lei di sapere a cosa sta pensando”, o i Blues Brothers, icone del black and white, con capello e occhiali neri RayBan, modello Wayfarer RB2140. A quei tempi non erano altro che un modello di nicchia che non vendeva più di 2.000 pezzi all’anno ma voluti fortemente dal regista del film, John Landis, non solo per caratterizzare il personaggio ma soprattutto per sopperire alla carenza di sonno dell’attore John Belushi che spesso e volentieri soleva arrivare sul set senza aver dormito a causa di parties continui senza dormire. E che dire della indimenticabile Audrey Hepburn, simbolo di classe e portamento davanti alla vetrina di Tiffany in tubino nero, cornetto e occhiali da sole? I suoi occhiali Givenchy, modello 7095/S furono creati appositamente per il film che avrebbe interpretato. Non ultimo, fu anche la prima attrice hollywoodiana degli Anni 50 ad indossare un paio di occhiali da sole sul set. Da allora in poi questo accessorio divenne una moda per tutte le donne.

Consigli per scegliere gli occhiali giusti in base alla forma del viso

– Occhiali a forma quadrata: viso tondo, a forma di cuore, ovale
– Occhiali ad occhi di gatto/angolari: viso tondo, ovale, a forma di cuore
– Occhiali rettangolari: viso tondo e ovale
– Occhiali rotondi: viso squadrato e ovale

 

Credits: Marie-Claire

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it