Roma, l'arena Mamiani apre con la rassegna 'Fellinicord'

Roma, l’arena Mamiani apre con la rassegna ‘Fellinicord’

Dal 26 agosto, cinque giorni dedicati al regista italiano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Maxi schermo in allestimento e prove audio in corso: il cortile del liceo ‘Mamiani’ di Roma sta per riaprire le sue porte inaugurando una nuova stagione cinematografica, nell’ambito della rassegna ‘arena Mamiani’, quest’anno affidata all’associazione di promozione cultura cinematografica Cinewood. Cinque giorni, dal 26 al 30 agosto, completamente dedicati a Federico Fellini con la ‘Fellinicord’, una rassegna cinematografica curata da Vincenzo Palladino dei film di Fellini restaurati dalla Cineteca di Bologna. Fellinicord è stata inserita tra le iniziative promosse dal Mibact per la ricorrenza della nascita di Federico Fellini, ‘Fellini100’, è patrocinata dal Comune di Roma e dalla Regione Lazio.

Come anticipa Tiziana Sallusti, dirigente scolastica del liceo ‘Mamiani’, sono “cinque film di Fellini per accogliere, in un clima di nuova socialità, più riflessiva, gli studenti alla ripresa delle lezioni”. Si parte il 26 agosto con ‘Lo sceicco bianco‘, poi il 27 agosto con ‘I vitelloni‘, il 28 agosto‘, il 29 agostoAmarcord‘ e il 30 agostoLa dolce vita‘.

Nello storico liceo romano hanno studiato alcuni dei protagonisti del cinema di oggi, da Matteo Rovere e Nicola Campiotti, figlio del cineasta Giacomo, e a sua volta regista e autore (‘Il mondo sulle spalle’ con Beppe Fiorello). Da Silvio Muccino, fratello minore di Gabriele (‘Come te nessuno mai’ è stato interamente girato nel ’99 al Mamiani), ad Adele Tulli, figlia di Serena Dandini, autrice di documentari (l’ultimo è ‘Normal’, analisi della costruzione sociale dei generi sessuali). Ma anche Marco Jemolo, l’apprezzato autore di ‘Framed’, l’attrice Giulia Michelin e il regista Enrico Artale. E c’è anche Luca Marinelli che prima della Coppa Volpi aveva vinto, come miglior attore non protagonista, il David di Donatello per ‘Lo chiamavamo Jeeg Robot’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it