Scooby- Doo dice addio al suo papà. A 87 anni muore Joe Ruby

Scooby- Doo dice addio al suo papà. A 87 anni muore Joe Ruby

L'animatore aveva lanciato il cartone insieme a Ken Spears nel 1969
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si è spento all’età di 87 anni Joe Ruby, il papà di Scooby-Doo. L’animatore e sceneggiatore, che ha creato il cartone animato insieme a Ken Spears, è morto per cause naturali nella giornata di mercoledì.

Era il 1969 quando i due davano vita – per volere del produttore  del produttore Fred Silverman che voleva un cartone dai toni horror – Velma, Daphne, Shaggy, Fred e Scooby, protagonisti di “Scooby-Doo dove sei tu?”, il film che ha dato vita a una delle più longeve serie tv andata in onda sulla CBS. Giovani investigatori alle prime arme che indagano su casi natura sovrannaturale. Al loro fianco l’alano Scooby, mascotte e amico fidato disegnato da Iwao Takamoto.

La storia del gruppo è sicuramente una delle più famose della casa di produzione Hanna & Barbera, insieme a quelle di Tom & Jerry e i The Flinstons. Scooby valse, tra l’altro, a Ruby e Spears l’assunzione alla CBS, che li volle per curare la programmazione per bambini. 

Nel 1977 Ruby e Spears aprirono lo studio Ruby-Spears Productions, realizzando cartoni come “Mister T”, “Alvin”, “Superman”, “Centurions”, “Turbo Teen”, “Thundarr the Barbarian” e “Fangface”. La società madre di Hanna-Barbera, la Taft Entertainment, ha acquisito la Ruby-Spears nel 1981 e il suo catalogo è poi passato a Turner Broadcasting nel 1991. 

Nato nel 1933 a Los Angeles, Ruby, come assicura il nipote Ben che ha dato la notizia della scomparsa, “non ha mai smesso di scrivere e creare, anche quando era molto vecchio”

Di gratitudine il messaggio della pagina ufficiale di Scooby-Doo: “Grazie Joe Ruby per aver regalato al mondo uno dei cartoni più groove che continua a influenzare generazioni e generazioni”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it