musica unisce Israele e Palestina nel film 'Crescendo - #makemusicnotwar'

La musica unisce Israele e Palestina nel film ‘Crescendo – #makemusicnotwar’

La pellicola ha vinto il Premio Cinema per la Pace 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –   E’ arrivato in sala ‘Crescendo – #makemusicnotwar’, pellicola diretta dal regista israeliano Dror Zahavi.

Film vincitore del Premio Cinema per la Pace 2020 e di numerosi Premi nei Festival internazionali di tutto il mondo, ‘Crescendo’ ha conquistato pubblico e critica ed è stato definito come “un’opera forte e toccante sul potere riconciliante della musica”, “un film che sfida i conflitti culturali, religiosi e politici e porta la musica in primo piano mettendo l’arte al di sopra di tutto”.

Liberamente ispirato alla storia delle giovani orchestre composte da musicisti israeliani e palestinesi tra cui la più conosciuta è West-Eastern Divan Orchestra fondata dal Maestro Daniel Barenboim e dallo studioso Edward Said, il film esalta il valore della musica come arte che affratella grazie all’universalità del suo linguaggio.

Crescendo – #makemusicnotwar’, la trama

Il film ripercorre la vicenda di Eduard Sporck, un famoso direttore d’orchestra, incaricato di mettere insieme un’ orchestra composta da giovani musicisti israeliani e palestinesi per un unico concerto in occasione dei negoziati di pace tra Israele e Palestina. Sporck dovrà mettere a disposizione tutte le sue capacità e risorse per riuscire a superare le tensioni e discordie che li contrappongono ideologicamente e culturalmente al fine di condurli a suonare in armonia verso un finale teso ed emozionante.

Crescendo – #makemusicnotwar’, il trailer

Crescendo #makemusicnotwar - Trailer

Crescendo – #makemusicnotwar’, le sale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it