Amazon ottiene il via libera: negli Usa arrivano i suoi droni "postini"

Amazon ottiene il via libera: negli Usa arrivano i suoi droni “postini”

L’azienda di Seattle ha ottenuto una licenza per poter gestire le consegne aeree
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Consegne in 30 minuti grazie ai droni postini. Amazon ora potrà realizzare l’obiettivo a cui ha lavorato da tempo. L’azienda di Seattle ha, infatti, ottenuto una licenza per poter gestire le consegne aeree dalla Federal Aviation Agency (Faa), il dipartimento dei Trasporti statunitense incaricato di regolare l’aviazione civile.

Al momento, la nuova modalità sarà attivata solo in America e sarà la possibilità di testare un progetto nato nel 2013 e presentato alla Faa lo scorso anno. 

“Continueremo a sviluppare e perfezionare la nostra tecnologia per integrare completamente i droni di consegna nello spazio aereo e lavoreremo a stretto contatto con la Faa e altri enti regolatori di tutto il mondo per realizzare la nostra visione di 30 minuti di consegna”, ha detto David Carbon, vice presidente di Prime Air, la filiale dedicata ai droni del gruppo con sede a Seattle.

Ovviamente i droni, inizialmente elettrici, potranno consegnare pacchi non superiori ai 2.3 kg in zone scarsamente popolate. L’intento è, però, quello di implementare la consegna aerea in tutto il mondo. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it