Gli attivisti di Hong Kong contro Mulan: "Quella vera è fra noi"

Gli attivisti di Hong Kong contro ‘Mulan’: “Quella vera è fra noi”

Un anno fa, in un post, l'attrice protagonista Liu Yifei appoggiava l'operato della polizia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A un giorno dal debutto su Disney +, il film ‘Mulan’ continua a far discutere. Dopo le polemiche per la sua uscita a pagamento sulla piattaforma, ora a contestare il live action targato Disney ci pensano gli attivisti di Hong Kong.

L’interprete di Mulan ha scatenato gli attivisti

A scatenare la loro indignazione e la proposta di boicottaggio del film, è stato il post di Liu Yifei, interprete di Mulan, che in occasione delle proteste pro democrazia  delle scorso anno aveva scritto: “Supporto la polizia di Hong Kong. Adesso potete tutti attaccarmi. Che vergogna per Hong Kong”. L’intervento dell’attrice, pubblicato sul social cinese Weibo (in Cina Facebook e Twitter sono oscurati), non è piaciuto agli attivisti scesi in campo che già nel 2019 hanno dato vita all’hashtag #BoicottaMulan . In concomitanza con l’uscita del live action Disney, il post di Yifei, attrice cinese naturalizzata americana, è stato riportato all’attenzione di tutti i sostenitori della democrazia ottenendo anche l’appoggio dei movimenti studenteschi di Thailandia e Taiwan. 

La vera Mulan è Agnes Chow

La vera ‘Mulan’ per i militanti di Hong Kong è la 23enne Agnes Chow, tra i primi attivisti ad essere arrestata, che ora rischia l’ergastolo. La giovane viene infatti definita dai compagni “Our Mulan” ed è diventata il nuovo simbolo delle proteste contro Pechino.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it