VIDEO | Il concerto di Ghemon all’Auditorium Parco della Musica di Roma in due minuti

Il cantautore tra vecchi e nuovi successi per la data nella Capitale del suo "Scritto nelle stelle tour"

13 Settembre 2020

ROMA – Era “Scritto nelle stelle”, per citare il titolo del suo ultimo album. Questo 2020 per Ghemon non poteva passare senza live. Il cantautore è tornato sui palchi di tutta Italia quest’estate con il suo “Scritto nelle stelle tour”
Concerti desiderati e conquistati, che regalano un po’ di normalità dopo lo stop di tutto il settore per l’emergenza Coronavirus. Ed è la musica a parlare per l’interprete di ‘Rose Viola’, che sul palco lascia la setlist essere la protagonista assoluta.
Così è stato anche a Roma, dove Ghemon si è esibito sul palco dell’Auditorium Parco della Musica nell’ambito di Auditorium Reloaded (la serie di concerti di questa stagione) in una Cavea perfettamente a norma Covid, tra ingressi scaglionati, controlli, postazioni igienizzanti e adesivi sulle sedute per rispettare il distanziamento.

Nella nuova realtà dei live, Ghemon si muove tra suoi vecchi e nuovi successi, regalando un perfetto caleidoscopio dei tre album che ha all’attivo. L’ultimo arrivato sul mercato è “Scritto nelle stelle”,  pubblicato lo scorso 24 aprile per Carosello Records.
“Buona stella”, “In un certo qual modo”, “Champagne” e “Inguaribile e romantico” sono così i punti fermi della scaletta a cui si aggiungono pezzi come “Quassù”, “Temporale”, “Criminale emozionale”, “Nessuno vale quanto te” e “Cose che non ho saputo dire”.

Visualizza questo post su Instagram

#Roma cara, è stato bellissimo. Tanti cerchi della mia vita che con te si chiudono, ma questa volta sono come abbracci, sono la stretta bellissima di un pubblico che mi ha fatto sentire proprio speciale. Il meglio deve ancora venire, ma lo sento che è dietro l’angolo. Noi, rifacciamolo presto…Ma veramente però. Grazie mille a @insta.otr @carosellorecords @auditoriumparcodellamusica @artistfirst.it, a @michelagiraud che ha spaccato proprio, a @danielecambria_foto , @michela__amati e a #FondazioneMusicaPerRoma . Styled by @daverodriquez e @_pierino.

Un post condiviso da Ghemon (@ghemonofficial) in data:

La dedica a Willy Monteiro Duarte

Dedica speciale a Willy Monteiro Duarte, il 21enne ucciso a Colleferro a calci e pugni, dalla violenza di quattro ragazzi. 
“L’estremismo, le violenze non fanno altro che attecchire là dove la cultura manca perciò per questo Paese è importantissima. È fondamentale che si faccia cultura e che i nostri spiriti e le nostre menti vengano elevate, portate ad un altro livello”, dice Ghemon durante la serata, per capire “cosa è bello e cosa è sbagliato o perlomeno farcene un’idea”. Il cantautore non ha dubbi: “La violenza e gli estremismi si vanno a infilare proprio dove c’è l’ignoranza”.

Ecco il concerto in due minuti ↓

2020-09-13T13:54:36+02:00