Tutto quello che c'è da sapere sugli ultimi due secoli di moda

Tutto quello che c’è da sapere sugli ultimi due secoli di moda

In libreria la nuova edizione di "Moda. Dalla nascita della haute couture ad oggi" di Sofia Gnoli. Un must have per appassionati e addetti ai lavori 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Giornalista e docente universitaria, Sofia Gnoli è un’istituzione nel mondo della moda. Dopo nove ristampe, arriva in libreria una nuova edizione del volume “Moda. Dalla nascita della haute couture ad oggi”. Una sorta di “Bibbia” per appassionati e addetti ai lavori in cui l’autrice ripercorre tutta la storia e l’evoluzione della moda degli ultimi due secoli, dalla sartoria alla fast fashion, soffermandosi sui vari aspetti della globalizzazione fino alla nascita del web 2.1, alla sostenibilità e alla sempre maggiore importanza dell’heritage.

Il testo, ricco di illustrazioni, analizza la haute couture francese e la moda italiana. Protagonisti gli anni Venti, le guerre mondiali e i movimenti di Avanguardia che hanno influenzato la moda (vedi alla voce Futurismo ma anche alla S di Schiaparelli, donna straordinaria che seppe tradurre in ‘stile’ l’arte surrealista). Non mancano ovviamente Coco Chanel e Dior, ma ci sono anche approfondimenti sui matrimoni regali passati alla storia. Ferragamo è il “Calzolaio dei sogni”. E ancora da Givenchy si passa alle Sorelle Fontana e dalla nascita degli “stilisti” si arriva alla globalizzazione e al “supermarket degli stili”. Ecco il Fast Fashion ma anche la sostenibilità e il capitolo, imprescindibile, della moda in rete e dei relativi influencer. E infine l’arrivo del Coronavirus che ha aperto nuovi scenari e molti interrogativi nel settore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it