Arriva in Italia 'Komi Can't Communicate'

Arriva in Italia ‘Komi Can’t Communicate’

Dal 30 settembre con J-Pop
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Dopo aver scalato le classifiche di vendita in Giappone e Usa, arriva anche in Italia con J-Pop ‘Komi Can’t Communicate’, manga scritto e disegnato da Tomohito Oda tra i più apprezzati degli ultimi anni.
Serializzata sul settimanale Weekly Shonen Sunday di Shogakukan, l’opera tratta con ironia e semplicità la difficoltà di comunicare e le sue conseguenze ai tempi dell’adolescenza.
‘Komi Can’t Communicate’ sarà disponibile in libreria, fumetteria e negli store online il 30 settembre con il Komi-notepad, allegato alla copia.

Protagonista della storia è Shouko Komi, una ragazza così bella che l’intera scuola superiore Itan si volta al suo passaggio: il suo atteggiamento scostante la rende ancora più affascinante agli occhi dei suoi compagni, che considerandola inarrivabile si tengono a distanza. La verità che si nasconde dietro i suoi modi solo apparentemente altezzosi però, è un serio disturbo della comunicazione: ogni volta che Komi prova a fare amicizia con qualcuno, viene travolta dall’ansia e finisce per ossessionarsi su come rompere il ghiaccio, su come reagirà l’altro, cosa può andare storto, bloccandosi.

In classe, però, Komi riesce a stringere amicizia con Tadano, un tipo davvero ordinario, il cui obiettivo principale è trascorrere gli anni del liceo senza sconvolgimenti o turbolenze, seguendo la corrente. Ma sarà l’unico che proverà con successo a comunicare con lei. A poco a poco i due si avvicineranno e arriveranno a scambiarsi una promessa, che porterà la ragazza dai catastrofici problemi relazionali a scoprire molti dei bizzarri personaggi che popolano la sua scuola e a vivere nuove esperienze.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it