A Bologna arriva ‘The Student Hotel’, per studenti e giovani lavoratori

La struttura sarà attiva dal prossimo 15 ottobre

1 Ottobre 2020

ROMA – Aprirà il prossimo 15 ottobre a Bologna The Student Hotel (Tsh). Il gruppo olandese ha scelto il capoluogo emiliano-romagnolo per aprire la sua sedicesima struttura rivolta a studenti e giovani lavoratori.  Per alloggiare nel nuovo ‘studentato’  questi sono i prezzi : per una doppia il canone mensile parte da 420 euro; per una singola invece sale a 590 euro. Nel prezzo sono inclusi, oltre alla stanza, anche la pulizia in camera e il cambio della biancheria, il servizio di lavanderia illimitato, l’uso della bicicletta, spazi aperti al coworking, connessione internet veloce e pure la palestra.

Certo, il prezzo non è economico, ma come si legge dal comunicato di Tsh, lo Student Hotel di Bologna (che aprirà in Bolognina, sugli spazi dell’ex Telecom, in via Fioravanti) è “studiato per accogliere studenti, turisti, vicinato e chi viaggia per affari“. Un’eterogeneità di soggetti che, nell’intento di Tsh, “possono soggiornare, conoscersi a vicenda, lavorare e, perché no, divertirsi sotto lo stesso tetto. Dalle stanze per i turisti a quelle per studenti; dagli spazi di coworking agli auditorium, passando per le palestre, la grande piscina, i locali per l’eventistica e le aree destinate alle iniziative sociali”.

The student hotel
The student hotel_2
The student hotel_3
The student hotel_4
The student hotel_5

Precedente
Successivo

Basta simulare una prenotazione sul sito di Tsh per vedere che però, in alcuni periodi dell’anno, il soggiorno lungo (che può variare da un minino 88 notti a massimo un anno) può arrivare a costare anche oltre 700 euro al mese. In ogni caso, considerando che oggi il prezzo di una stanza singola in un appartamento condiviso a Bologna si aggira intorno ai 350-400 euro, e se a questi si aggiungono bollette, abbonamento in palestra e manutenzione della bicicletta, forse le cifre proposte da Tsh appaiono più ‘ridimensionate’.

Secondo le stime del gruppo ad ottobre è già previsto il check-in di oltre 180 studenti, di cui il 47% italiani; il 14% spagnoli; 10% americani e 29% di altre nazioni. 

2020-10-01T12:40:42+02:00