Carl Brave pubblica il suo secondo disco, "Coraggio"

Carl Brave pubblica il suo secondo disco, “Coraggio”

In rotazione radiofonica da oggi il nuovo singolo estratto "Parli parli" con Elodie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A due anni e mezzo di distanza dal suo lavoro di debutto, Carl Brave pubblica oggi per Island Records ‘Coraggio’, il suo secondo disco.

Diciassette le tracce inedite in cui il cantautore regala – come ormai prassi nella sua produzione – un’istantanea di Roma, sua città natale, tra citazioni che fanno riferimento all’Atac, al Gemelli o a via Nomentana.

Sono questi solo alcuni dei riferimenti che Brave utilizza per raccontare la sua quotidianità, tra amori finiti male o serate in gruppo con gli amici.

Simbolo di questo disco ‘Fratellì’, uno dei singoli estratti del disco, che trasforma in musica la vicenda di Algero Correntini, rapper in arte 1727wrldstar. Il 24enne romano è diventato celebre per la sua corsa sfrenata in auto nella Capitale conclusasi con tanto di incidente. A 110 km/h in zona Ponte Galera, Correntini ha sfrecciato tra semafori rossi e gli altri automobilisti riprendendo con il cellulare tutto il percorso. Poi la frase diventata virale: “Ho preso il muro fratellì”, al centro di meme, sfottò e parodie.

Nei mesi scorsi, ‘Coraggio’ – che è il cognome di Brave, all’anagrafe Carlo Coraggio – è stato anticipato dai brani ‘Che poi’, ‘Regina Coeli’ e ‘Spigoli’ featuring Mara Sattei e tha Supreme. Il produttore e la sorella non sono, però, i soli ospiti del disco.

Si aggiungono, infatti, Ketama126 in ‘Ma ndo vai?’, Gué Pequeno in ‘Fake Dm’, Taxi B in ‘Le guardie’, Pretty Solero in ‘Fototessera’ ed Elodie in ‘Parli parli’. Quest’ultimo è il nuovo singolo scelto da Brave, da oggi in rotazione radiofonica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it