Pillole di stile | I cappelli autunno-inverno 2020 per lei

Pillole di stile | I cappelli autunno-inverno 2020 per lei

C’è posto per la toque, sempre attuale, così come per le fedora a tesa larga, la coppola o newsboy e, per i più alternativi, anche una semplice bandana da annodare intorno al capo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’autunno porta con sé i primi freddi e la voglia di coprirsi. I cappelli invernali prendono il posto di quelli estivi e sono talmente tanti e diversi che si sposano con qualsiasi gusto e stile personale. Le passerelle di questo autunno/inverno 2020 ci hanno presentato diversi modelli che cambiano a seconda del designer e della collezione. C’è posto per la toque, sempre attuale, così come per le fedora a tesa larga, la coppola o newsboy e, per i più alternativi, anche una semplice bandana da annodare intorno al capo. Di seguito alcune proposte viste sulle passerelle:

  • ZUCCOTTO/TOQUE/BEANIE – A seconda della lingua prescelta (rispettivamente italiano, francese e americano) tutti i nomi proposti indicano lo stesso tipo di cappello: morbido e caldo di solito indossato dagli skaters, i rappers, gli sciatori e i teenagers. Facile da portare con sé perché si ripone nella tasca della giacca o nella borsa, è un accessorio che non può mancare nel proprio guardaroba;
  • FEDORA – Il termine fedora entrò nell’uso a partire dal 1891. La parola deriva dal titolo di una sceneggiatura del 1882 di Victorien Sardou, scritta per Sarah Bernhardt. Sarah interpretava la principessa Fedora, l’eroina della commedia, indossando un cappello proprio con questa forma;
  • CAPPELLO A CESTINO /BUCKET HAT – Termine per indicare il classico cappello da pescatore. Generalmente indossato nelle giornate piovose è proposto quest’anno in diversi modelli in tessuto che vanno dall’impermeabile al velluto;
  • COPPOLA/NEWSBOYS – L’origine di questo cappello a cupola bassa pare sia anglosassone e già indossata fin dal XVI secolo sotto la dinastia dei Tudor. È un modello estremamente versatile tant’è vero che in passato veniva indossato dai giocatori di golf, dagli autisti di decappottabili per proteggersi dal vento e facilmente assimilabile alla versione Newsboy, caratterizzata però dalla corona costituita a spicchi rifiniti in cima con un bottone;
  • BASKETBALL – Questo Modello viene comunemente associato alla disciplina sportiva del baseball e, insieme al beanie, è il più amato dalle giovani generazioni perché si regola in base alla circonferenza del capo di ciascuno ed è super-pratico;
  • LUÍS CARVALHO & BRANDON MAXWELL – Sia il brand portoghese Carvalho che quello americano Maxwell preferiscono il beanie come modello di punta per questo inverno 2020. Perfetto da indossare in tutte le occasioni: dalle più casual a quelle più eleganti e soprattutto per valorizzare un dettaglio dell’abbigliamento. Il beanie è il perfetto passpartout per chi privilegia la praticità, la leggerezza (i tessuti sono di solito in lana, mohair, cotone, cashmere) e perché no, per chi vuole essere sicuri di proteggersi bene dal freddo;

ATTIC & BARN – Il marchio trevigiano ha rivisitato per quest’anno il classico cappello da baseball in versione maculata da poter abbinare ad un outifit casual-chic. Stessa idea applicata al bucket hat che si abbina perfettamente al classico trench autunnale;

AKRIS – Il capo di punta della collezione invernale del marchio svedese è la coppola in tutte le sue variazioni cromatiche. Poco importa l’occasione, la coppola viene abbinata perfino sotto ad un tubino elegante magari riprendendo i toni del vestito o della borsetta;

MOMONÌ – La griffe italiana di prêt-à-porter femminile ormai consolidata in Francia, Belgio, Spagna e Giappone propone invece cappelli a tesa larga per uno stile chic e di forte personalità;

ETRO – Lo spirito folk-chic raffinato di Etro si rispecchia in tutta la sua collezione autunno-inverno 2020 dove il cappello a fedora ne fa da cornice;

DIOR – Iconico accessorio della sfilata autunno/inverno 2020 il basco Dior Paris Arty si ispira agli anni ’70 ed è una rivisitazione in chiave contemporanea del classico basco parigino e l’americano newsboy. Realizzato in pelle di agnello arancione scuro, presenta una fodera in seta. Semplice ed elegante, dona un tocco di carattere a qualsiasi look (cit. website ufficiale Dior).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it