Maschi contro femmine. Un libro illustrato ne racconta la quotidiana rivalità

Maschi contro femmine. Un libro illustrato ne racconta la quotidiana rivalità

Una storia a due voci scritta da Mariapia De Conto e illustrata da Francesco Fagnani per Lapis edizioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – Gli screzi tra maschi e femmine, a un certo punto della vita, sono un grande classico. Eppure poi passano. Mariapia De Conto ne racconta la quotidiana rivalità nel libro ‘Maschi Contro Femmine’ illustrato da Francesco Fagnani (Lapis edizioni).  

La maestra ha deciso: per socializzare, i maschi dovranno stare in banco con le femmine. Ma questo a Laura e Alberto non va giù. E lo stesso vale per i loro compagni, dal momento che la classe è divisa in due, maschi da una parte, femmine dall’altra. 

Viste dai maschi, le femmine pensano solo ai vestiti.  Sono pettegole e chiacchierone. Visti dalle femmine, i maschi passano il tempo a fare dispetti e hanno un pallone da calcio al posto del cuore.

Un brutto scherzo, però, mette a dura prova tutta la classe. Un libro della biblioteca è stato rovinato: se non esce fuori il colpevole, tutta la classe verrà messa in punizione. Incontri segreti, bigliettini e colpi di scena… Laura, Alberto e i loro compagni dovranno superare divisioni e preconcetti, per diventare una classe unita.

«E dovrei essere contenta di stare al banco con lui? Vabbè. Lui o un altro… Il problema è sempre quello. È un maschio. Quanto vorrei essere vicina alla mia amica del cuore… Ma lo so io cosa vuol dire stare con quelle pettegole delle femmine! Mamma mia, che lagne. Quelle con i capelli lunghi, poi! La mia compagna di banco, per esempio…»

Una storia a due voci sulla quotidiana rivalità tra maschi e femmine.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it