VIDEO| Con Lucio Leoni parlando di 'Dove sei'

VIDEO| Con Lucio Leoni parlando di ‘Dove sei’

Il 15 ottobre è uscita la seconda parte del doppio album del cantautore romano. Un lavoro intenso e sperimentale di cui ha parlato negli studi della Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Sono due i dischi che Lucio Leoni ha fatto uscire nel 2020: Dove sei pt.1 e Dove sei pt.2. Un doppio album che richiede tempo e che racchiude tanto del suo essere attore, musicista, scrittore e un po’ poeta. Ma non solo. ‘Dove sei’ è un insieme di temi e di stili impossibili da catalogare, etichettare e forse presentare. Ecco perché gli abbiamo chiesto come iniziare, qual è l’approccio per entrare nel suo universo sonoro e culturale.

Giustamente ci ha parlato di “flusso”, ognuno può e deve prendere quello che arriva, ma forse, «Per andare morbidi, ‘Per sempre’ può essere la canzone numero uno» (la trovate in Dove sei pt.2) e poi c’è ‘Il sorpasso’, (nella parte 1) «che è una roba più energetica».
Ma, e a dirlo siamo in tanti, Lucio Leoni ha portato qualcosa di nuovo nella canzone d’autore italiana.  Nel suo album ci sono collaborazioni importanti che lo rendono a tutti gli effetti un progetto sperimentale: ‘Mi dai dei soldi’ (pt.1) è un monologo di Andrea Cosentino e ‘Nastro Magnetico’ (pt.2) è una sceneggiatura in musica da ascoltare e da guardare, una piccola opera creata insieme ai Mokadelic e al collettivo Zero.
Insomma c’è tanto da prendere da Lucio Leoni e se per i live dobbiamo aspettare, adesso è il momento giusto per tornare a comprare i dischi e accogliere quel ‘flusso’ di cui Lucio ci parla.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it