'Piccole storie dal centro'. Tunué porta in Italia il nuovo capolavoro di Shaun Tan

‘Piccole storie dal centro’. Tunué porta in Italia il nuovo capolavoro di Shaun Tan

Venticinque poesie e storie illustrate in cui narra il nostro rapporto con il mondo animale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Tra i libri da portare a casa a novembre, c’è sicuramente ‘Piccole storie dal centro’. Con Tunué arriva in Italia il nuovo capolavoro di Shaun Tan, uno dei più importanti autori contemporanei, il più eclettico e talentuoso artista degli ultimi anni per la varietà di tecniche che usa, in modo magistrale, nei suoi libri: pastelli, tempere, oli, colori acrilici ma anche il collage, l’uso della china e della fotografia, attraverso cui dà vita a scenari onirici, metafore sottili del mondo reale.

L’autore australiano è stato insignito a giugno scorso del prestigioso premio Kate Greenway Medal 2020 come miglior illustratore proprio con questo nuovo lavoro che, secondo il The Guardian, è tra i migliori libri dell’anno.

Dove possiamo vivere se non nell’ombra dell’altro?  Shaun Tan applica la sua immaginazione unica a una riflessione sulla natura dell’uomo e degli animali e sulla nostra convivenza urbana. Dal coccodrillo alla rana, dalla tigre all’ape, questa è un’esplorazione oscura e surreale dell’amore e della distruzione perenni che sentiamo e infliggiamo di come gli animali possano salvarci e di come le nostre vite siano intrecciate per sempre, nel bene e nel male. 
Una raccolta di racconti che esplora la relazione complicata tra l’uomo e gli animali, nelle nostre città e nel quotidiano. Un’opera capace di mettere al centro del dialogo, attraverso una rappresentazione surreale di sentimenti e situazioni, temi centrali per il nostro tempo come il rispetto per l’ambiente e il rapporto con la natura. Venticinque poesie e storie illustrate in cui narra il nostro rapporto con il mondo animale, tra scene incredibilmente fantasiose che invitano a soffermarsi, chiedendosi: alla fine, chi ha l’ultima parola o c’è un’altra domanda?
Da leggere e rileggere lentamente, assaporando ogni dettaglio.
 
 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it