Le Streghe, impossibile non lasciarsi 'stregare' da Hathaway e Spencer

Le Streghe, impossibile non lasciarsi ‘stregare’ da Anne Hathaway e Octavia Spencer

Sul canale YouTube di Warner Bros. sono disponibili i primi 10 minuti del film
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le streghe sono reali, possono essere ovunque, odiano i bambini e schiacciarli gli dà lo stesso piacere di una coppa di gelato”. Come riconoscerle? Sono alla moda, portano delle parrucche (e per questo si grattano sempre testa calva), indossano dei guanti per nascondere le mostruose mani (anche quando fa caldo), non hanno le dita dei piedi, hanno delle narici più grandi del normale, hanno delle bocche così larghe che arrivano fino alle orecchie e, soprattutto, sono la malvagità fatta persona. Queste sono ‘Le Streghe’ protagoniste del film del premio Oscar Robert Zemeckis (‘Forrest Gump’ e ‘Ritorno al futuro’), che riporta il libro omonimo per bambini di Roald Dahl (edito in Italia da Salani) sullo schermo dopo il primo adattamento cinematografico del 1990 ‘Chi ha paura delle streghe?’ di Nicolas Roeg con protagonista Anjelica Huston. 

Dopo l’anteprima alla 18esima di Alice nella Città (sezione autonoma e parallela di Festa del Cinema di Roma), la pellicola salta l’uscita in sala (causa emergenza Covid) e arriva oggi con Warner Bros. Pictures sulle principali piattaforme: per l’acquisto e noleggio premium su Amazon Prime Video, Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMVision, Chili, Rakuten TV, PlayStation Store, Microsoft Film & TV e per il noleggio premium su Sky Primafila e Infinity.

LA STORIA

Con un libro venduto ogni 2,5 secondi per un totale di oltre 300 milioni di copie vendute, tradotto in 41 diverse lingue nel mondo, il racconto di  Dahl rimane uno dei testi di riferimento per i ragazzi di tutte le generazioni. E lo ha capito anche Zemeckis che rivisita la storia per un pubblico moderno. La versione del regista premio Oscar, narra la storia ricca di humor nero di un giovane orfano (interpretato dall’esordiente Jahzir Kadeem Bruno) che, alla fine del 1967, va a vivere con la sua adorata nonna (interpretata da Octavia Spencer) a Demopolis, una cittadina rurale dell’Alabama. Il ragazzo e sua nonna si imbattono in alcune streghe apparentemente glamour ma completamente diaboliche. Così la nonna, saggiamente, decide di portare il suo nipotino in una sfarzosa località balneare. Purtroppo arrivano esattamente nello stesso momento in cui la Strega Suprema (interpretata da Anne Hathaway) ha riunito la sua congrega di fattucchiere di tutto il mondo -sotto copertura- per portare a termine il suo malefico piano: ovvero trasformare tutti i bambini in topi (dolci e coccolosi per tutti ma non per le streghe) e schiacciarli. 

Nel cast del film, prodotto da Guillermo del Toro e Alfonso Cuaron, anche Stanley Tucci, Kristin Chenoweth, il pluripremiato comico leggendario Chris Rock e Codie-Lei Eastick.

IMPOSSIBILE NON LASCIARSI ‘STREGARE’ DA SPENCER E HATHAWAY

Zemeckis rimane fedele al romanzo di Dahl, dandogli una sua personale visione, come ha fatto per l’ambientazione. Il regista, infatti, ha scelto di ambientare la storia non in Inghilterra ma a Demopolis, in Alabama, e di raccontare l’avventura e la sventura di una famiglia afroamericana, di cui fa parte anche Octavia Spencer. Lei è il ‘party animal’ del film. È uno di quei personaggi che ti ‘rapisce’ subito. Ha la parola giusta al momento giusto, sa essere dura e dolce, ha sempre una torta di mais pronta per alleviare il dolore e sa essere nonna, mamma e papà quando questi ultimi non ci sono più, come nel caso del giovanissimo protagonista. E ancora, è capace di cancellare ogni traccia di tristezza nel suo nipotino con un giradischi e musica soul come ‘We are family’ delle Sister Sledge. E siccome il film è arrivato nelle nostre case possiamo alzarci dal divano e scatenarci cantando e ballando con i protagonisti. L’altro ‘pezzo forte’ della storia è Anne Hathaway nei panni della Strega Suprema. Se ne ‘Il Diavolo veste Prada’ capisce cosa significhi indossare un capo di Chanel a metà del film, ne ‘Le Streghe’ si presenta fin da subito con abiti alla moda. È inquietante, malefica, ‘cool’, ha un accento russo irresistibile e sa far ridere. Tutte queste caratteristiche dei personaggi ‘esplodono’ sul grande schermo, con equilibrio, mostrandoci come l’amore e il bene vincano sempre su tutto e come la famiglia possa definirsi tale anche quando nelle vene di tutti membri non scorre lo stesso sangue.

‘Le Streghe’ è un film, adatto per tutta la famiglia, che ha una trama semplice ma sa regalare emozioni e risate con un leggero tocco horror ed effetti speciali a ritmo di una colonna sonora travolgente. 

ECCO I PRIMI DIECI MINUTI DEL FILM

IL POSTER DE ‘LE STREGHE’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it