Gardaland chiude in anticipo la stagione 2020 a seguito del nuovo DPCM

Gardaland chiude in anticipo la stagione 2020 a seguito del nuovo DPCM

Il Parco rinuncia agli ultimi due weekend di Magic Halloween e anche all’evento Magic Winter
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

A seguito del nuovo DPCM, entrato in vigore dalla mezzanotte del 25 ottobre 2020, che prevede il fermo delle attività dei parchi divertimento, Gardaland chiude anticipatamente la stagione con riferimento al Parco, a SEA LIFE Aquarium e agli Hotel.
Gardaland deve quindi rinunciare agli ultimi due weekend di Magic Halloween e, tenendo conto che il nuovo decreto resterà in vigore fino al 24 novembre, anche all’evento Magic Winter. Una rinuncia, questa, dettata dal fatto che non ci sarebbero i tempi tecnici per dare il via all’evento invernale che necessita di tempistiche di attuazione e allestimento più lunghe.

“Comprendiamo la delicatezza della situazione attuale e rispettiamo le misure a tutela della salute dei cittadini” dichiara il dott. Aldo Maria Vigevani, Amministratore Delegato di Gardaland “Nonostante questo però crediamo fermamente nel funzionamento del Protocollo di Sicurezza da noi sviluppato e nelle modalità operative adottate per tutelare la salute dei nostri Visitatori e dei dipendenti”.
Gardaland è stato infatti il primo Parco Divertimenti italiano a studiare un protocollo ad hoc che permettesse di riaprire in sicurezza con l’apertura prolungata durante l’estate e gli eventi di Gardaland Oktoberfest e Gardaland Magic Halloween. Come affermato dall’AD Vigevani, “… ritenevamo importante continuare ad investire e a pianificare gli eventi che sono diventati ormai un appuntamento fisso del calendario del Parco, senza mai perdere di vista l’obiettivo di regalare ai nostri Ospiti momenti di divertimento e spensieratezza in totale sicurezza.”
Naturalmente l’emergenza sanitaria ha creato una serie di difficoltà e diversi ostacoli che Gardaland – che da solo sviluppa un giro d’affari pari ad un terzo del fatturato globale di tutti i Parchi Divertimenti italiani – si è trovato ad affrontare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it