Golfo, un romanzo per ragazzi sull’orrore e l’assurdità della guerra

Golfo, un romanzo per ragazzi sull’orrore e l’assurdità della guerra

Nel trentennale della guerra del Golfo Camelozampa porta in Italia il capolavoro pluripremiato di Robert Westall
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Golfo di Robert Westall è per la prima volta accessibile ai lettori italiani in edizione integrale. Il capolavoro pluripremiato della letteratura per ragazzi arriva in libreria il 5 novembre per Camelozampa con la traduzione di Sara Saorin.

Figgis è diverso dai suoi coetanei. Se c’è qualcuno che soffre, anche lontano migliaia di chilometri, Figgis sta male come se accadesse a lui. Quando scoppia la guerra del Golfo, comincia ad avere strani sogni: dice di chiamarsi Latif e di vivere in Iraq. Ma se nella testa di Figgis c’è Latif, allora dov’è andato Figgis?
 
Golfo è una storia potente, un romanzo sull’orrore e l’assurdità della guerra, che torna in Italia nel trentennale della guerra del Golfo: un conflitto ormai lontano nel tempo per le generazioni più giovani, ma che ha ridisegnato gli equilibri geopolitici mondiali. Ma non è solo un romanzo di guerra: è una riflessione appassionata e più che mai urgente sull’empatia, sul modo in cui reagiamo al dolore degli altri, sul rischio di un’anestesia dei sentimenti di fronte alle immagini che vediamo sui mass media.
 
Il romanzo esce in una veste editoriale ad alta leggibilità, grazie all’uso del carattere EasyReading e di altri appropriati accorgimenti, per rendere la lettura accessibile a tutti, anche ai lettori dislessici.
 
Golfo è vincitore del Children’s Book Award e del Lancashire Children’s Book Award, ha avuto la menzione speciale Carnegie Award ed è stato finalista al Whitbread Prize.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it