Fumetti. Arriva in libreria il secondo volume de' La Fortezza

Fumetti. Arriva in libreria il secondo volume de’ La Fortezza

Avventuroso e comico al tempo stesso è la saga fantasy più famosa del fumetto francese moderno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – La celebre saga francese creata da Joann Sfar e Lewis Trondheim: La Fortezza torna in libreria con il secondo volume della raccolta. Fuori per BAO Publishing dal 19 novembre, La Fortezza è un fantasy unico al mondo: la serie, articolata in trentasei capitoli, si snoda tra tre diverse epoche dagli albori alla rovina di un castello che nasconde favolosi tesori, ma è infestato da mostri assurdi. Dopo il primo volume, questo fumetto avventuroso e comico al tempo stesso fa un balzo in avanti nel tempo e comincia a raccontare storie da un futuro remoto e crepuscolare, svelando inattesi segreti sui protagonisti della saga.

Nel ducato di Vaucanson, dentro la Terra Amata, si intrecciano le avventure del papero Herbert, di un anziano drago che cerca il cimitero della sua specie per lasciarsi morire, un oscuro signore i cui sortilegi impediscono alla terra di ruotare, uno sciamano strafatto che sa dove si nasconde la cartina del nuovo mondo. E poi il mondo va in frantumi, e diventa quello segnato sulla cartina.

La saga fantasy umoristica più famosa del fumetto francese moderno creata da Sfar e Trondheim – coadiuvati nei due capitoli finali da Andreas e Blanquet – in questo secondo volume racconta l’inizio della fine di questo mondo. Sono qui raccolte le storie originali Il crepuscolo della Fortezza da 101 a 103 più Mostri della Fortezza 3 e 4, per completare la storia dell’Armageddon del livello 103 e seguire l’ordine dei livelli della Fortezza in cui si ambienta ciascun episodio (che era iniziato con Zenit).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it