La tecno-sartoria: quando la tecnologia accompagna l'eleganza

Pillole di stile |La tecno-sartoria: quando la tecnologia accompagna l’eleganza

La sensibilità ecologica che si è sviluppata negli ultimi anni, soprattutto nella Generazione Z, ha costretto i designers a ripensare al concetto di classe in termini non più tradizionali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In questo periodo dell’anno l’abbassamento delle temperature ed i cambiamenti repentini del meteo caratterizzati da umidità, pioggia, vento, grandine e neve ci costringono a coprirci sempre di più per ripararci dal freddo ma molto spesso, a discapito dell’eleganza. La sensibilità ecologica che si è andata sviluppando negli ultimi anni, e ancora di più nella Generazione Z, ha costretto i designers a ripensare al concetto di classe in termini non più tradizionali (utilizzo di pellicce pregiate sia per uomo che per donna) ma piuttosto moderni e tecnologici. I materiali utilizzati per dare vita alle creazioni stilistiche, acquistano un ruolo chiave nella scelta d’acquisto ed i modelli ideati, per quanto raffinati ed originali, perdono valore agli occhi del consumatore se non abbinate ad una causa ecologica e sociale.

In un mondo in continuo mutamento, il cliente di oggi premia l’innovazione, le performance e la versatilità dei capi da indossare, cercando di sacrificare il meno possibile lo stile. Non a caso sempre più brands siglano cooperazioni con marchi sportivi per coniugare al meglio l’innovazione, la funzionalità con tocchi di raffinatezza e classe.

Esempi di stile e funzionalità le ritroviamo in tre eccellenze italiane quali Herno Laminar, Diesel e Roberto Ricci Designs. Ognuna di esse ha brevettato una tecnologia diversa ma con la stessa finalità: proporre ai propri clienti un capo di qualità, versatile e durevole nel tempo.

LA TECNO-SARTORIA HERNO LAMINAR
A 70 anni dalla sua fondazione, l’azienda di Lesa non ha mai perso di vista la qualità e l’originalità dei suoi capi impermeabili. La sua ultima collezione uomo Sartorial Engineering si propone di fatto di coniugare tessuti di pregio con speciali trattamenti esterni a prova di cambiamenti climatici. I trench, parka, bomber e blazer garantiscono un’estrema tenuta anti-pioggia, anti-vento e anti-goccia con bottoni gommati, polsi elastici antivento e imbottiture staccabili. I tessuti pregiati come velluto a piccole coste, lana e flanella vengono declinate nelle varianti più intramontabili della sartoria maschile, come i gessati e le fantasie pied-de-poule. Non mancano in collezione i capi realizzati in Gore-Tex e Gore-Tex InfiniumTM da applicare anche a modelli femminili.

 

DIESEL

La maison italiana si è adattata tempestivamente agli ultimi avvenimenti sociali dando vita alla collezione ‘Upfreshing’ caratterizzata dall’integrazione dei suoi capi primavera-estate 2020 con una tecnologia innovativa chiamata Protector Shield. Quest’ultima, coniuga un prodotto certificato antibatterico e antimicrobico ad una barriera contro le secrezioni salivari (droplet). Il risultato è la possibilità di lavare i propri capi più volte senza rovinarli e quindi facendoli durare di più.

 

ROBERTO RICCI DESIGNS

Nato nel 1989 dalla passione del suo fondatore Roberto Ricci per il mare ed in particolare per il surf, questo brand italiano molto giovanile, coniuga tessuti altamente funzionali ad un design pulito e lineare tale da poter essere indossato tutti i giorni ed in tutte le occasioni di business e di tempo libero.
Per dare vita a questi capi altamente performanti l’azienda ha messo in campo una tecnologia speciale chiamata Holistic Technology, ovvero una tecnica di sovrapposizione di materiali a più strati. Così la lycra è stata unita a una gomma a cellula aperta che fa traspirare la pelle ed il tessuto ottenuto è altamente tecnico e di eccellente qualità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it