'The Crown': per William un ritratto ingiusto della sua famiglia

‘The Crown’: per William un ritratto ingiusto della sua famiglia

La pluripremiata serie Netflix sul regno di Elisabetta II è giunta alla quarta stagione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ‘The Crown’, la pluripremiata serie sul regno di Elisabetta II creata per Netflix da Peter Morgan è giunta alla sua quarta stagione. Pubblicata sulla piattaforma il 15 novembre, la serie già in passato non era stata del tutto apprezzata dai reali d’Inghilterra. Questa volta è il principe William, figlio di Carlo e Diana, a esplicitare maggiormente le sue rimostranze. Secondo quanto ha affermato un insider della famiglia coronata al Daily Mail “il duca di Cambridge non è per niente felice di tutto questo, pensa che entrambi i suoi genitori siano stati sfruttati e presentati in un modo falso e semplicistico, solo per fare denaro”. E ha aggiunto: “In questo caso, si tratta di trascinare cose accadute durante tempi molto difficili, 25 o 30 anni fa, senza pensare ai sentimenti di nessuno. Molte cose mostrate non rappresentano la
realtà”.

La scrittrice e giornalista Penny Junor, esperta della famiglia reale britannica, ha osservato che si tratta di un ritratto grottesco e molto ingiusto del padre, della madre, della matrigna Camilla e della
famiglia in senso più ampio, comprendente i nonni, che Harry e William amano molto. Ci viene offerta una visione, a suo avviso, di persone orribili che si comportano in una maniera disprezzabile. Addirittura, Junor sostiene: “Mentre molti degli eventi possono essere veri, moltissimi dettagli e moltissime conversazioni sono completamente inventate. C’è il pericolo che venga danneggiata non solo la reputazione di coloro che non hanno il potere di controbattere, ma anche del futuro della monarchia stessa”.

Viene rappresentato infatti, il lato più fragile di Lady D, non sempre adornata da quell’aurea di mito e perfezione che negli anni le è stata cucita addosso: i suoi disturbi alimentari, la sua bulimia, il fallimento dell’unione tra lei e il futuro re e la sofferenza che ne deriva in modo diverso da ambo le parti, la relazione extraconiugale di lui con Camilla Parker Bowles.

Ma non tutti sembrano essere contrariati: Harry e Meghan hanno siglato di recente con Netflix un mega-contratto da 75 milioni di sterline per documentari e altri programmi da produrre. Ci si chiede ora se Morgan manterrà la promessa di “non affrontare casi storici dai quali sono passati meno di vent’anni”. Per ora la serie copre un tempo che va dal 1979 ai primi anni Novanta. Se l’ideatore di ‘The Crown’ cambiasse idea, arriverebbe a raccontare delle ultime vicende della coppia più chiacchierata dell’ultimo periodo: i duchi di Sussex.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it