Cosenza, sabato la presentazione di 'Ci accomunavano le reti e le stelle'

Cosenza, sabato la presentazione di ‘Ci accomunavano le reti e le stelle’

La pandemia raccontata dall'IIS 'Pezzullo-Quasimodo-Serra'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Perché l’idea di questo libro? Per lasciare una traccia, una testimonianza, la memoria di un evento significativo come quello della pandemia che la nostra comunità scolastica, in ogni sua componente, ha subìto e vissuto sperimentando una nuova esperienza didattica, reinventando il proprio ruolo educativo e culturale, cogliendo significati e ragioni da quegli avvenimenti forti e situazioni intense che hanno trasformato la vita di tutti noi”.

Inizia così l’introduzione di ‘Ci accomunavano le reti e le stelle – Pensieri e parole di una comunità scolastica nel tempo del distanziamento sociale’, un libro prodotto da tutta la comunità scolastica dell’IIS ‘Pezzullo-Quasimodo-Serra’ di Cosenza, che sarà presentato sabato 21 novembre dalle 17 in diretta Facebook sul profilo di Luigi Pellegrini Editore.

“L’idea è maturata allorquando ci siamo resi conto che il periodo del distanziamento sociale sarebbe durato più a lungo di quanto pensassimo- continua nell’introduzione Rosita Paradiso, dirigente scolastica dell’istituto e curatrice del volume- E allora un momento così inedito, che ci ha visti tutti coinvolti emotivamente, non poteva non essere fotografato, raccontato e ricordato. Pertanto abbiamo deciso di documentare questo ‘tempo sospeso’, raccogliendo in questo libro gli interventi dei ragazzi che man mano sono stati pubblicati sul sito internet della scuola, gli articoli dei docenti pubblicati su testate giornalistiche online, le mie lettere scritte per tenere legata e salda la nostra comunità e le libere espressioni artistiche che ciascuno, secondo il proprio vissuto, ha voluto condividere con gli altri”.

Il risultato è un interessante caleidoscopio di pagine di diario, poesie e riflessioni, scritte dagli studenti più giovani come dai docenti più anziani, capace di restituire tutta la complessità delle sensazioni che ha generato la pandemia nel contesto di una piccola, grande, comunità scolastica calabrese.

Alla presentazione interverranno Alessandra De Rosa, assessora al Welfare e alle politiche sociali del Comune di Cosenza; Matilde Spadafora, assessora alla Scuola e alle pari opportunità dello stesso Comune; Rosita Paradiso e Alessandro Sebastiano Citro, curatori del volume, oltre che, naturalmente, i veri autori e protagonisti del libro: i ragazzi e le ragazze.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it